logo1

Androni-Giro: Savio propone la squadra mista…

savio androniIl general manager Gianni Savio propone di invitare al Giro d’Italia una formazione mista fatta di quattro atleti della Androni Sidermec e di quattro della Nippo Vini Fantini per risolvere il problema dei mancati inviti. Intanto al Tour de France wild card a tre francesi ed una belga…

Nuova puntata della telenovele riguardo l’esclusione delle formazione italiane Androni Giocattoli Sidermec e Nippo Vini Fantini dal 100° Giro d’Italia. Il general manager del sodalizio sponsorizzato dal novarese Mario Androni interviene proponendo in un comunicato stampa un salvare capra e cavoli con la formazione di una classica squadra mista. Di seguito le parole del manager torinese: <Riteniamo sia giunto il momento di porre fine alle polemiche seguite all’assegnazione delle wild card per il Giro"- ha dichiarato Gianni Savio - "Pur avendo preso atto che sarebbe pressoché impossibile realizzare le soluzioni prospettate finora, non ci siamo arresi e proponiamo una deroga al regolamento per assegnare una quinta wild card a una squadra mista, composta da quattro corridori della Androni-Sidermec e quattro della Nippo-Fantini. Al riguardo abbiamo inviato una richiesta ufficiale alla RCS Sport, alla Federazione Ciclistica Italiana e alla Lega del Ciclismo Professionistico. Tale deroga sarebbe giustificata dall’eccezionalità dell’evento: il Giro d’Italia del Centenario. Già nel 2011, la RCS Sport richiese e ottenne una uguale deroga per un evento altrettanto eccezionale: il Giro d’Italia dei 150 anni dell’Unità Nazionale. La deroga riguarderebbe sia la composizione delle squadre sia il numero dei partecipanti al Giro che, con gli 8 corridori in più, passerebbe da 198 a 206, uno ‘sforamento’ decisamente ininfluente in termini di sicurezza in corsa rispetto al tetto massimo di 200 previsto dal regolamento UCI" - ha sottolineato Savio - "Confidiamo nella sensibilità etica e sportiva delle Istituzioni (UCI, FCI, Lega Professionisti e Rcs Sport) – e riteniamo che tutte comprendano il momento drammatico che sta vivendo il Ciclismo Italiano in termini di squadre. Con l’uscita della Lampre, tutte le squadre italiane sono scomparse dal World Tour e sono rimaste solo quattro Professional. Se, come annunciato, gli sponsor delle due escluse – Androni e Fantini – lasceranno il Ciclismo, crediamo non sia esagerato pronosticare che l’intero movimento professionistico italiano rischi la sopravvivenza >. Come si dice chi vivrà vedrà. Ad ora tutti i responsabili tecnico di RCS Sport, su tutti Mauro Vegni e Stefano Allocchio (che va detto non hanno preso la decisione sulle wild card in solitudine ma con una commissione) sono impegnati nel Dubai Tour che inizia domani. Non sarebbe di certo una cattiva idea e, come asserito, salverebbe la proverbiale capra ed i proverbiali cavoli. Intanto anche gli organizzatori del Tour de France hanno comunicato le 4 quattro wild card che sono andate alle francesi Cofidis (con lo sprinter Nacer Bouhanni, francese), Direct Energie (con i transalpini Bryan Coquard e Thomas Vockler) e Fortuneo-Vital Concept oltre alla belga Wanty-Groupe Gobert, prima nel ranking Uci europeo (con però la giovane speranza francese, lo scalatore Guillaume Martin). Dubbi davvero non ce n’erano…

Gianluca Trentini

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Sport

Lunedì, 09 Dicembre 2019
Dilettanti con Marco Dho e Alina Gioacas
Lunedì, 09 Dicembre 2019
Sabato corso per dirigenti sportivi
Lunedì, 09 Dicembre 2019
La domenica del volley… la Serie A

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa