logo1

Igor OK in Champions: vince 3-0 a Prostejov

igor imocoLa Igor deve combattere nel primo set ma dopo averlo vinto fa sua la partita, la Agel Prostejov è sconfitta da Novara che dunque vince la terza consecutiva in Champions League: “Stiamo facendo il percorso che c aspettavamo, ora due gare cardine”, il commento di Barbolini.

Un set vinto in rimonta, poi due controllati dal primo all’ultimo scambio: la Igor Volley compie la propria missione e conquista un successo importante a Prostejov, nel match valido per la quarta giornata di Champions League. Orchestrate al meglio dalla regista Skorupa (tre compagne in doppia cifra, Plak, Gibbemeyer ed Egonu, tutte autrici di 14 punti, e una, Chirichella, a quota 9), le azzurre hanno così ottenuto il terzo successo nel girone. Padrone di casa in campo con Weiss in regia e Horka opposta, Herelova e Trnkova al centro, Kessanyiova ed Emonts Weihenmaier in banda e Kovarova libero; Igor con il sestetto ormai standard: Egonu in diagonale alla regista Skorupa, Gibbemeyer e Chirichella centrali, Piccinini e Plak schiacciatrici e Sansonna libero. Il primo set è, di fatto, l’unico combattuto. Le padrone di casa partono forte e dopo il vantaggio azzurro al primo timeout tecnico (7-8, Egonu in diagonale), ribaltano l’inerzia con Horka (13-12) a segno in parallela e due muri di Trnkova su Egonu e Plak, “spezzati” dal timeout di Barbolini (15-12). Enright entra e ricuce lo strappo (15-15) e altrettanto fa, poco dopo, Plak (18-18) ma gli errori in attacco di Egonu e Plak portano le ceche sul 21-18, costringendo le azzurre nuovamente a inseguire. Chirichella e Plak rientrano sul 21-21, Egonu sbaglia ancora (23-21) e Barbolini inserisce Vasilantonaki che prima mura Kossanyiova (23-23) e poi, dopo il set ball annullato da Chirichella (24-24), firma il sorpass ocon il diagonale del 24-25. Chiude, per le azzurre, un altro muro di Chirichella (24-26). Senza storia il secondo set, con Cada costretto al timeout sul 2-6 e Igor che scappa con Egonu e Gibbemeyer protagoniste fino al 6-13 a metà parziale. Gibbemeyer in maniout allunga ancora (6-15) e dal centro arriva anche lo “strappo” del 9-19 con il muro di Chirichella su Kossanyiova. Poco dopo è Piccinini a conquistare il set ball in diagonale (12-24), con Gibbemeyer che chiude in fast, 13-25. Stesso copione anche nel terzo set, aperto da due punti di Skorupa (0-2) e con la Igor avanti 3-8 già al primo timeout tecnico con l’errore di Kossanyiova; Gibbemeyer a muro amplia il gap (6-12) e nonostante i timeout del tecnico di casa, le azzurre si portano rapidamente sul 9-19 (Egonu, gran muro), ipotecando di fatto set e match. Horka è l’ultima ad arrendersi ma il tocco delizioso di Egonu vale il match ball sul 14-24 e al secondo tentativo è Gibbemeyer a chiudere (73% in attacco per lei con tre muri all’attivo) i conti sul 15-25. Massimo Barbolini (allenatore Igor Volley Novara): “Le nostre avversarie hanno disputato un ottimo primo set e sono riuscite a metterci in difficoltà, ma siamo stati bravi a chiudere a nostro favore il parziale rimanendo lucide nel momento decisivo. Per la prima volta Prostejov ha perso senza vincere nemmeno un set e questo è significativo, da parte nostra proseguiamo un cammino in linea con le nostre aspettative e sappiamo che ci aspettano altri due match cruciali”. Anthi Vasilantonaki (opposto Igor Volley Novara): “Come spesso ci capita, nel momento di difficoltà siamo riuscite a trovare energie per chiudere il primo set e credo che quel break nel finale sia stata la chiave per l’intera partita. Sono contenta di essere entrata e di aver realizzato due punti decisivi, poi abbiamo chiuso il match senza più dare la possibilità alle nostre avversarie di rientrare in gioco”.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa