logo1

Vega Occhiali Rosaltiora perde ad Almese

vega 2018 2019 officialUna Vega Occhiali Rosaltiora bruttina vince ad Almese e torna in zona play out, coach Cova: “Noi questo genere di match li soffriamo ancora, non abbiamo giocato bene ma va dato merito ad Almese di aver difeso tutto il possibile, andiamo avanti, c’è ancora tempo”.

Lo scontro diretto va ad Almese che vince 3-1 in casa contro Vega Occhiali Rosaltiora, le verbanesi dunque tornano in zona play out. Non una bella partita giocata dalla formazione di Andrea Cova che ha disputato un match difficoltoso, con tanti errori, con un attacco poco efficace, una domenica tutto sommato negativa per un pochino tutte le giocatrici del sodalizio lacuale, per contro va detto che Isil Massì Almese ha disputato una partita di ottimo livello, magari non tanto in attacco quando in difesa, perché se è vero che dai lati del campo Verbania ha faticato nel mettere palla a terra è altrettanto vero che Almese in difesa ha sciorinato una prestazione grandiosa, difendendo in ogni modo e senza far cadere la palla. Se sicuramente ci sono stati demeriti di Rosaltiora vanno dati i giusti tributi alla bella partita di Almese, squadra esperta e più avvezza a questo genere di partite. In classifica dunque le torinesi controsorpassano, ora Vega Occhiali torna in decima posizione a 22 punti e dunque in zona play out, Almese sale a 24 in nona posizione. La strada però è ancora lunghissima, se si pensa che il girone di ritorno è appena iniziato.

LA PARTITA

Nel primo set Cova inizia con Ramona Ghisleni in regia, Annalisa Cottini opposta, le bande sono Francesca Magliocco e Sonia Cottini, al centro Elisa Alessi e Emily Velsanto con Beatrice Folghera libero. Vega Occhiali approccia male la partita, ci sono vari errori e Almese scappa subito sul 9-4 con Cova costretto al time out, poco da fare perché il punteggio non cambia ritmo: 17-11, 20-15, sino al 25-17 finale decisamente eloquente pur col cambio di banda con Sara Caravati per Francesca Magliocco. Nel secondo parziale c’è Pamela Ferrari al centro per Elisa Alessi; l’inizio è ancora abbastanza difficile: 5-1 Almese, in questo caso però Rosaltiora è più presente e cerca di giocarsela; ci sono punti di Sonia Cottini, Francesca Magliocco tornata in campo, Pamela Ferrari , il muro migliora, Ramona Ghisleni gira di seconda e si impatta sul 13-13. Pur con sempre difficoltà visibili Verbania tiene il campo; è una bolgia, con tifo e tamburi. La parità resa sino al 18-18 (Rosaltiora recupera dal 17-14 a 17-17), nel finale ci sono ancora sbavature, entra Marta Ossola ma Almese allunga: 24-20, Pamela Ferrari annulla il primo set point, entra in battuta Martina De Giorgis ma le padrone di casa chiudono: 25-21 e 2-0 Isil. Nel terzo set Vega Occhiali mantiene il ritmo precedente e cerca di tenere aperta la partita; è un punto a punto con Isil che va avanti sul 6-3 e 9-6. Cambio al centro con Elisa Alessi che rileva Emily Velsanto: Pamela Ferrari, Annalisa e Sonia Cottini si prendono i punti che impattano la situazione sul 13-13. Il set sembra aperto anche se Almese resta estremamente performante in difesa, nel finale la Isil scappa sul 23-20, sembra il preambolo per il 3-0 finale ma non è così: Rosaltiora fa 23 pari, il punto a punto va oltre il punteggio classico; è 26-28 ed il match va sul 2-1. Nel quarto set Rosaltiora inizia bene tenendo un punto a punto sino sul 8-8, arriva una protesta della panchina di casa per una evidente infrazione non rilevata dalla coppia arbitrale (probabilmente non decisiva ma nemmeno positiva), coach Cova si prende il cartellino giallo. Sull’8-8 ci sono gli ultimi vantaggi di Verbania (10-11 con Magliocco) che poi però pasticcia, soffre, sbaglia: 25-15 ed è 3-1 Almese.

Isil Massì Almese – Vega Occhiali Rosaltiora 3-1 (25-17, 25-21, 26-28, 25-15).

Vega Occhiali Rosaltiora: Ghisleni, De Giorgis, Cottini A., Ossola, Cottini S., Magliocco, Caravati, Bellorini ne, Ferrari, Velsanto, Alessi, Folghera (L), Paracchini (L2). All: Andrea Cova, vice: Andrea Franzini.

IL COMMENTO DI COACH ANDREA COVA

“Beh questa partita ha dimostrato che noi questo genere di match li soffriamo ancora – spiega – partite nelle quali c’è da avere pazienza, contro formazioni che ti difendono tutto. Il nostro attacco ha faticato oltremodo soprattutto dai due estremi del campo e così ovviamente diventa difficile. Obiettivamente la squadra non ha giocato una buona gara ma diamo merito agli avversari di aver invece giocato un match di alto livello. Andiamo avanti, lavoriamo, lavoriamo e lavoriamo, siamo all’inizio del girone di ritorno e di tempo ne abbiamo ancora”                

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Sport

Venerdì, 23 Agosto 2019
Tacchini vince la sua batteria
Venerdì, 23 Agosto 2019
Gozzano, 48 ore al debutto

Pubblicità-sport

loghi sport

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa