logo1

Alberto Franzini: “Certe partite ci sta di perderle”

alberto franziniIl tecnico verbanese dopo lo stop di Novara: “Loro imbattuti e capolisti, perdere ci può stare, non abbiamo nemmeno giocato male ma quando era il momento di chiudere lo hanno fatto gli altri. Ora pensiamo al prossimo match contro Pavic Romagnano.

Il commento di Alberto Franzini al termine della prima partita dell’anno per la sua Altea Altiora: “Beh se pensiamo che abbiamo giocato con la capolista che oltre ad essere prima in classifica non ha mai perso la nostra sconfitta contro una formazione del genere ci sta. Nel primo set abbiamo anche giocato benino ed i ragazzi hanno seguito tutte le indicazioni tattiche che ci eravamo detti durante la settimana di allenamento. Nel finale di set però ci siamo persi, abbiamo pasticciato e soprattutto abbiamo avuto fretta di chiudere le azioni sbagliando e la cosa ha favorito gli avversari. Peccato perché siamo stati avanti noi sino al 21 pari e li abbiamo commesso due errori perdendo il set, nel secondo abbiamo risentito della sconfitta e praticamente non siamo scesi in campo: tutti i fondamentali sono girati molto male, ci siamo arresi e siamo stati troppo altalenanti, nemmeno lo scenario del PalaIgor ci ha ricaricati ed abbiamo perso anche il secondo parziale. Nel terzo siamo sempre stati sotto di quattro, cinque punti finchè abbiamo imbroccato un paio di difese toste ed un paio di battute arrivando sotto agli avversai ma ancora una volta quando è stato il momento di chiudere lo hanno fatto loro. Peccato perché abbiamo vanificato la palla del 24 pari. E’ andata così, sapevamo che non era questa una di quelle partite da vincere ma è stata una esperienza giocare in un impianto dove gioca la Igor di A1. Pensiamo alla prossima e vediamo di fare ancora meglio nel derby contro Romagnano.

Gianluca Trentini


Web TV

Pubblicità-sport

loghi sport

Ricetta della settimana

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa