logo1

A Cannobio il dentista gratis per le fasce deboli a basso reddito

Un servizio per i residenti nei comuni della Fondazione Comunità Attiva, grazie alla collaborazione con il dott. Dini. In arrivo anche il B&B sociale

cannobio dentista sociale

Il dentista gratis o a tariffe agevolate per le fasce più deboli della popolazione con basso reddito: gli ultrasessantacinquenni, gli inabili al lavoro e i portatori di handicap. Il progetto di odontoiatria sociale, grazie alla collaborazione con il dentista Massimo Dini e con le sue figlie che hanno seguito le orme del padre, è stato avviato presso la Casa della Salute di Cannobio per i residenti nel territorio di azione della Fondazione Comunità Attiva: Cannobio, Cannero Riviera, i comuni cannobini, Ghiffa, Trarego e Oggebbio. L'iniziativa è della Fondazione Comunità Attiva che ha aderito al progetto finanziato da Fondazione Cariplo nell'ambito de 'La cura è di casa'. Vi si accede attraverso l'assistente sociale nelle sedi e orari di normale apertura al pubblico dello sportello di Segretariato Sociale.

La prima visita odontoiatrica è gratuita, le prestazioni poi saranno gratis per i redditi ISEE fino a 8 mila euro, con compartecipazione per quelli tra gli 8 mila e i 12 mila euro. Sono escluse l'implantologia e la protesizzazione.

<Il progetto sperimentale prevede un contratto di locazione presso la Casa della Salute per lo studio del dott. Dini. Il dentista corrisponderà una parte di quanto dovuto in ore di lavoro per l'odontoiatria sociale, nella misura di 8 ore settimanali – ha spiegato il direttore della Casa della Salute Sergio Merletti -. Le spese dei materiali saranno coperte da Fondazione Cariplo. Per la parte di co-finanziamento che Fondazione Comunità Attiva dovrà mettere a disposizione verrà creato un apposito fondo progettuale e speriamo che i cittadini del territorio possano contribuire. Ci auguriamo che al termine dei tre anni che è la durata del progetto 'La cura è di casa' l'odontoiatria sociale abbia poi le gambe per continuare a camminare con vita propria>.

Il dottor Dini ha spiegato che non ci saranno giornate riservate a questo servizio, le persone segnalate dai servizi sociali verranno inserite nell'agenda appuntamenti del suo studio direttamente dalla sua segretaria così da poter garantire un'assistenza tempestiva, tutta la settimana, insomma per rispondere ai bisogni quando necessario.

E a Cannobio in collaborazione con Fondazione Comunitaria del VCO  in arrivo anche il B&B sociale: nei locali adiacenti all'Opera Pia Uccelli saranno ricavate 5 camere per un totale di 8 posti, destinati ad anziani non con necessità sanitarie ma con bisogni temporanei specifici, per esempio nonnini in valle Cannobina che vivono in abitazioni non idonee ad affrontare le rigide temperature invernali. 

 

di Laura Fabbri

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa