logo1

Rilievi sulla frana della valle Cannobina con tecniche di ultima generazione

Lo riferisce il presidente del Vco Stefano Costa. Conclusa la fase di raccolta dati, a breve gli esiti

falmenta2

 

Tecniche geomatiche innovative per i rilievi della frana della Val Cannobina: conclusa la fase di misura, a breve gli esiti delle elaborazioni. La comunicazione arriva dal presidente del VCO Stefano Costa.
Come già anticipato nei giorni scorsi, per accelerare la progettazione e l’attuazione degli interventi di ripristino e messa in sicurezza della strada provinciale interrotta dalla frana del 7 ottobre scorso, la Provincia ha dato avvio alle attività di rilievo, in attesa di poter disporre operativamente delle risorse richieste per progetto e lavori. I rilievi sono stati effettuati grazie alla collaborazione in corso tra il Servizio Difesa del Suolo e il Laboratorio di Geomatica del Politecnico di Torino.
Venerdì scorso il geologo provinciale Maurilio Coluccino e un team del Politecnico hanno effettuato le misure in campo, adoperando strumenti e tecnologie di remote sensing altamente innovativi e di grande accuratezza, necessari per far fronte al livello di complessità geologica del fenomeno franoso della Val Cannobina.
Sono state sviluppate in sito diverse tecniche di rilievo accoppiate, sia aeree che terrestri, che in pochi giorni consentiranno di restituire un modello numerico tridimensionale denso della superficie della frana e delle fratture della roccia responsabili dei crolli, in modo da poter definire con precisione l’assetto strutturale del versante, i volumi che possono ancora staccarsi, le energie attese così da impostare correttamente la progettazione e la realizzazione degli interventi di stabilizzazione del versante e di protezione della strada. Questi consisteranno in reti di contenimento e ancoraggi sui fronti di distacco, barriere ad alto assorbimento di energia lungo le traiettorie di discesa dei massi, drenaggi per ridurre la presenza di acqua nelle fratture della frana.
Coluccino spiega che la frana è delimitata da estese pareti rocciose verticali instabili che impediscono l’accesso per misure dirette e per questo motivo sono state eseguite riprese tecniche specifiche con drone dotato di scansioni laser di ultima generazione.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa