logo1

A Meina la giornata della Memoria dell'Unione del Vergante

meina generica

Presenti amministratori, associazioni, i ragazzi delle scuole. Il ricordo dell'eccidio del settembre 1943

I comuni dell’Unione del Vergante hanno celebrato il Giorno della Memoria. Settantadue anni dopo quel 27 gennaio del 1945, giorno di apertura dei cancelli di Auschwitz. La cerimonia si è tenuta a Meina, luogo dell’eccidio del 22-23 settembre del 1943. Diversi i sindaci e rappresentanti dei comuni limitrofi. C’erano Baveno, Lesa, Belgirate, Massino Visconti, Dormelletto, Borgo Ticino, Trecate, ancora la Croce Rossa e dell’Ambulanza del Vergante. Una rappresentanza dei ragazzi delle scuole medie e inferiori  intitolate ai tre Fratelli Fernandez, rimasti vittime dell’eccidio. Presente la segretaria dell’Istituto Storico della resistenza di Novara Elena Mastretta, che ha detto:<E’ giusto tramandare ai ragazzi delle scuole quanto accaduto nei campi di concentramento, affinché queste tragedie non abbiano più a ripetersi>.  Dalla piazza del municipio si è mosso il corteo con in testa i gonfaloni dei comuni e delle associazioni; la prima tappa al cippo nel Parco della Fratellanza che ricorda il luogo della strage e le 16 vittime di origini ebree. Il sindaco ha tenuto il discorso di rito:<Meina non potrà mai dimenticare quanto è accaduto ai danni delle famiglie ebree, ospiti nel settembre del 1943 all’Hotel Meina.  Là sono state posate le pietre d’inciampo che hanno ottenuto come riconoscimento la Medaglia del Presidente della Repubblica; riportano tutti i nomi delle vittime della ferocia delle SS tedesche>. Presente da Trecate anche una delegazione dell’Istituto delle medie inferiori intitolato a “Beky Beahr”,  meinese, testimone dell’eccidio scomparsa alcuni anni or sono.

 

di Franco Filipetto

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa