logo1

Pizzi: ''Candidato alla politiche? Nessuno me l'ha chiesto''

Il sindaco di Domodossola risponde a chi lo vorrebbe in corsa alle prossime elezioni politiche e sul referendum pro Lombarida dice : " Presentino uno studio "

domo pizzi

 

Sono bastate due provocazioni, -  una giornalistica e una politica -  a stanare Lucio Pizzi dai suoi prolungati silenzi su alcuni temi. Provocazioni che hanno spinto il sindaco di Domodossola a rispondere.  Una replica apparsa abbastanza neutra, visto che lui si espone solo in parte ma non più di tanto.

 

Ecco i fatti. Il Pd e il giornale Eco Risveglio l’hanno provocato. Prima sostenendo che è il candidato del centrodestra alle elezioni  politiche; poi chiedendo cosa ne pensi del passaggio alla Lombardia, altro tema divisorio in un VCO mai unito e mai diventato provincia.

‘’Mi vogliono a Roma, sognando di tornare a sedersi nel palazzo di città una volta eliminato il problema Pizzi. Li invito a non illudersi’’ scrive Pizzi attaccando il Pd.  Ammette che ‘’nessuno gli ha chiesto di candidarsi in parlamento, né che lui lo ha chiesto’’. Ma questo è ovvio perché i giochi sulle candidature sono ancora aperti, in via di definizione. Pizzi si  assume poi la responsabilità  ‘’di controllare che chi dovrà rappresentare gli ossolani appartenga a questo territorio e non venga paracadutato’’.

Ora il tema Lombardia. Sul quale non si esprime, né contro né a favore, lasciando  il cerino in mano al centrosinistra e al presidente della Provincia, Stefano Costa. ‘’Tocca loro decidere se indire o no il referendum’’ sostiene Pizzi,  esternando però il ‘’progressivo sentimento di allontanamento degli ossolani nei confronti della burocrazia torinese’’.

 Un consiglio lo dà pure ai sostenitori della Lombardia: ‘’Presentino uno studio dettagliato dei pro e dei contro sulle ripercussioni di questo eventuale percorso, in termini di servizi sanitari, presenza delle forze dell’ordine e in generale della Pubblica amministrazione nonché di configurazione dei futuri centri decisionali, ivi compresi le rappresentanze in Regione’’.

Renato Balducci

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa