logo1

Druogno la Gorino piemontese ? Allarme dei Radicali

druogno albergo stazione

Radicali lanciano allarme : " Druogno come Gorino". Zanoletti rimanda al mittente le accuse

La Valle Vigezzo rischia di diventare la Gorino piemontese. Il grido  d'allarme arriva dai Radicali Italiani. "Di fronte all'ipotesi di arrivo  di alcuni migranti a Druogno decine di persone si sono mobilitate e  alcuni sindaci si sono espressi con parole molto dure. Ci sono tutte le  premesse perché si ripetano le inqualificabili vicende accadute  recentemente nel paese del ferrarese" denunciano Igor Boni e Silvja Manzi della direzione nazionale dei Radicali Italiani. I quali, rifacendosi in particolare ad alcune esternazioni razziste apparse sul  web, aggiungono: "Le bugie sull'immigrazione fanno il loro effetto sulle  paure e sulle pance di una fascia di popolazione; alcuni amministratori  inseguono queste paure rincarando la dose. In più, da quel che si  legge, il livello di informazione da parte della Prefettura nei  confronti dei Comuni non è certo stato sufficiente per preparare la  strada ad un provvedimento che, in tutti i casi, non pare essere così  impattante dato che si parla di una ventina di migranti in arrivo in una  struttura temporanea di accoglienza".

"Quindi noi per qualcuno saremmo razzisti? I fatti dimostrano tutt'altro". Rimanda le accuse al mittente il sindaco di Druogno Marco  Zanoletti, che dice: "Trenta migranti in un paese di circa 400 abitanti  sono una enormità rispetto al 2,5 per mille che è previsto  dell'accordo A. N. C. I.- Viminale. Chiediamo solo il rispetto di quanto  previsto dagli accordi presi a livello nazionale". Questa la posizione,  peraltro già chiara da giorni, del Comune di Druogno. Il vice sindaco  Giovanni Francini, parlando di quanto fatto "in tempi non sospetti",  spiega: "Con una delibera nel 2011 i consiglieri hanno rinunciato ai gettoni di presenza, in tutto 900 euro, destinando la cifra per il  progetto "Terra Madre - Mille orti in Africa".

"L'accordo Anci Viminale parla chiaro - evidenziano ancora da Druogno -,  parla di profughi e a noi vanno bene, nel rispetto degli accordi  sottoscritti a livello nazionale. Non vanno bene quelli che non sono  ancora stati riconosciuti come tali". Il sindaco Marco Zanoletti invita infine a stemperare le polemiche: "Il Comune non è razzista, lo  dimostra coi fatti, non con parole sterili".

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa