logo1

Aperta la galleria di Ceppo Morelli

Attesa dall’ottobre 2000, inaugurata la galleria che scongiura la frana del Mont Rubi in Valle Anzasca. Assente il sindaco di Ceppo

cappo taglionastro galleria

 

 

Dalle 13 di questo pomeriggio la galleria del Mont Rubi è aperta al traffico veicolare. Un’opera invocata da abitanti e amministratori della Valle Anzasca all’indomani dell’alluvione dell’ottobre 2000, i cui lavori sono partiti 9 anni più tardi con uno stop iniziale di quasi 12 mesi. " Otto anni per realizzare una galleria sono effettivamente troppi. Ma si tratta di un'opera importante che mette in sicurezza questa strada dando dignità a uqesta Comunità" ha detto Stefano Costa, presidente della Provincia del Vco.

 Non pochi i problemi incontrati nella realizzazione dell’opera. " Oserei direi di tutto di più. Comprese infiltrazioni d'acqua. Siamo passati poco sotto le fondamenta delle case senza riportare danni " ha spiegato Giuseppe Verecelli della ditta costruttrice.

995 metri di lunghezza, costati alla casse della Regione 37milioni di euro. 21milioni i costi vivi per sola la costruzione del manufatto. Il resto Scr li ha spesi in progettazioni e consulenze. Un cantiere che ha dato lavoro sino ad un massimo di 40 operai sotto la direzione dell’impresa Cogeis di Quincinetto .

" Complessivamente per questa strada la Regione ha speso 60 milioni di euro. Accanto a quelli per la galleria si aggiungono quelli più contenuti per mettere in sicurezza molti tratta dell'arteria" ha sottolineato Aldo Rechigna.

Sulla sobria cerimonia di questa mattina ha pesato però l’assenza del sindaco di Ceppo Morelli. Tunnel pericoloso per pedoni e ciclisti ha spiegato in una lettera Livio Tabachi.

Ma in soccorso di Tabachi è arrivata la Regione Piemonte. Aldo Reschigna si è detto pronto ad incontrare il primo cittadino di Ceppo Morelli per discutere delle criticità evidenziate a partire dal nodo d’imbocco che dalla provinciale sale verso la strada comunale per la piccola frazione di Mondelli.

Il nodo dei ciclisti del resto non è questione di poco conto per una valle che ambisce a crescere turisticamente. 

In concomitanza con l’apertura della galleria è stato chiuso al traffico il ponte in ferro lungo l’Anza. La struttura che ha garantito la viabilità da e verso Macugnaga in questi 17 anni.

Nel corso della cerimonia è stato preannunciato che entro fine mese sarà chiusa la partita con Anas. Prima di fine anno la 659 della Valle Anzasca tornerà ad essere una strada statale. Sgravando così le casse provinciale della manutenzione dell’arteria.

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa