logo1

Bonifica Syndial, vertice in Prefettura

L'Ad di Syndial a Villa Taranto per relazionare sullo stato della bonifica ex Enichem a Pieve Vergonte. Prospettate ricadute positive per l'economia locale

 

verbania prefettura syndial

 

Vertice in Prefettura questa mattina a Verbania. E' stato fatto il punto sulla bonifica Syndial. A Villa Taranto è arrivato l'Ad dell'azienda. Vincenzo Larocca ha spiegato alle Istitutioni e al mondo sindacale locale i problemi incontrati nella prima fase d'avvio cantiere. " L'iter è stato lungo - ha detto  l'amministratore delegato - poi, una volta partiti abbiamo subìto uno stop forzato. La Magistratura ha posto sotto sequestro una parte delle aree e questo ha rallentato il nostro lavoro. Ora tutto è stato dissequestrato " . Al tavolo prefettizio anche i sindaci dei centri interessati dalla bonifica : Pieve Vergonte e Vogogna. Borghi ha così commentato : " Diverse le novità positive, emerse a seguito delle nostre proposte. Per coinvolgere i Subappaltatori locali è stato concesso il superamento del limite previsto del 20% fino ad un massimo del 70% del valore del contratto. Si tratta di un forte incentivo al ricorso del territorio e delle imprese locali, mentre continua il tavolo alla Camera di Commercio di coordinamento delle imprese interessate.  Per la ricaduta sul territorio 2016/2028 il coinvolgimento stimato di 20 imprese, con il 40/50% di ricaduta sul territorio sull'importo della bonifica. Nel picco occupazionale di avranno 140 occupati in più.  L'appalto per il Marmazza è stato realizzato, quello sulle opere arginali di Vogogna previsto per primi mesi 2018.  Ok di Syndial alla mia proposta di coinvolgimento università Piemonte orientale nell'ambito della Strategia d'area della SNAI Valli Ossolane e riflessione su impiego produttivo futuro dell'area".  Soddisfatta della relazione odierna anche Maria Grazia Medali, sindaco pievese.

 

 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa