logo1

Montani su sanità: "Grave che Regione e Asl rifiutino il confronto"

 montani enrico00

"Sostengo in toto – dice Montani – la scelta dei sindaci Pizzi, Marchioni, Albertella e Preioni che, in mancanza d’informazioni e garanzie sull’iter dell’ospedale unico di Ornavasso, hanno deciso di voler disertare l’incontro di dopo domani"

 

 

Comunicato stampa del sen. Enrico Montani - Dopo l’annunciata assenza di quattro primi cittadini del Vco alla riunione della rappresentanza dei sindaci dell’Asl, in programma venerdì 6 luglio, sul caso interviene il senatore della Lega, Enrico Montani. «Sostengo in toto – dice Montani – la scelta dei sindaci Pizzi, Marchioni, Albertella e Preioni che, in mancanza d’informazioni e garanzie sull’iter dell’ospedale unico di Ornavasso, hanno deciso e comunicato in queste ore di voler disertare l’incontro di dopo domani. Di fatto – si legge nella nota - si sta percorrendo una strada al buio; oltre la metà dei sindaci che compongono la rappresentanza dell’Asl – afferma il senatore della Lega – ha scritto una lettera all’Azienda sanitaria locale per chiedere una serie di dati tecnici e relazioni sul sito ornavassese. Ma entrambi i direttori generali, quello che c’era prima e il nuovo arrivato, non hanno mai dato le risposte dovute e, oltretutto, hanno utilizzato toni sferzanti, se non addirittura arroganti. Dal canto suo – dice ancora Montani – la Regione non so per quale motivo si ostina a non voler un confronto vero, su un tema così importante». Montani punta, pertanto, il dito contro i vertici del governo piemontese -Chiamparino, Reschigna e Saitta- che davanti a tutte le richieste fatte, rifiutano il dialogo. Un atteggiamento ritenuto grave dal parlamentare leghista, che sollecita Regione e Asl a mettersi attorno a un tavolo, in tempi brevi, e con la volontà di collaborare. «In assenza di questo passaggio – termina poi la nota – allora l’iniziativa degli oltre 35 sindaci che hanno chiesto all’Asl Vco la sospensione di tutti gli atti amministrativi e degli impegni di spesa della nostra sanità, diverrebbe sostanziale».

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa