logo1

Cciaa Vco: Rapporto sull'imprenditorialità straniera nel Vco

baveno cameracommercio

L’attitudine all’imprenditorialità, cioè il rapporto tra il numero degli imprenditori e la popolazione residente, nel VCO è pari in media a 12,6%. Se scomponiamo le due componenti, italiani e stranieri, il dato mostra una maggiore attitudine imprenditoriale per la componente straniera: 14% contro 12,4% della componente italiana.

Inoltre, la variazione positiva dello stock di imprese di cittadini stranieri ha attenuato un po’ la diminuzione della “base di imprese” del VCO negli ultimi anni. Il primo dato: la popolazione - al primo gennaio 2016 risiedono nel VCO 160.114 persone: 9.748 gli stranieri (6% del totale). La media italiana supera l’8%, quella piemontese si attesta al 9,6%. Se analizziamo la percentuale di stranieri residenti nelle province piemontesi il VCO è nella parte bassa della classifica. Le cinque “nazioni” più presenti nel VCO sono: Ucraina, Romania, Marocco, Cina, Albania. Forte l’incremento della popolazione straniera in tutte le ripartizioni territoriali: rispetto al 2011 +24% in Italia, +17% in Piemonte. Gli stranieri aumentano anche nel VCO del 14% (circa 1.200 unità in valore assoluto). Le imprese: Al 30 giugno 2016, sono 963 le imprese governate da stranieri (il 7,2% del totale delle imprese registrate), che occupano circa 1.720 addetti (il 4,4% del totale addetti VCO). Sul totale delle imprese del VCO, commercio e noleggio/servizi alle imprese sono i settori più governati da imprese straniere, rispettivamente l’11% e il 9,7%. Seguono le attività di costruzioni (8,6%) e quelle ricettiveristorative (7,4%).
Prevalgono nettamente le imprese individuali (82% del totale delle imprese straniere), seguono le società di capitale (11%) dato inferiore rispetto alla media provinciale (circa 17%): segnale che le attività di impresa governate da stranieri sono per la maggior parte attività basate sul “singolo imprenditore” che ricopre la carica di titolare e di addetto. Come sono state le performance delle imprese governate da stranieri? Buone, anzi considerando i “tempi” potremmo dire ottime in Italia e Piemonte, con variazioni di stock positive. Negli ultimi 5 anni anche nel VCO e’ aumentato il peso percentuale delle imprese straniere sul totale delle imprese: dal 5,6% del 2011 al 7,2% del 2016. Più elevato in media il peso delle imprese straniere sul totale in Italia e Piemonte (9,3% del totale). Il VCO, in linea con le ripartizioni territoriali, vede variazioni positive di stock delle imprese straniere. Questo risultato va sottolineato: pur a fronte di valori assoluti contenuti (+170 imprese straniere), questa positiva variazione di stock ha reso “meno negativa” la flessione generale del sistema-imprese provinciale registrata negli ultimi anni.
1 Si considerano "imprese straniere" le imprese le cui quote sono possedute in prevalenza da persone non nate in Italia.
2 Un dato rilevante è quello delle imprese giovanili: quasi un quarto delle imprese governate da stranieri è under 35 (in v.a. 215 imprese su un totale di 963 unità). Queste imprese rappresentano il 18% delle imprese giovanili provinciali.
Da chi sono governate le imprese straniere nel VCO?
Ci concentriamo ora sulle “persone” ovvero su coloro che governano le imprese. Gli stranieri nel VCO sono 1.378, circa il 6,8% del totale imprenditori della provincia (di questi 344 persone sono di nazionalità comunitaria). Nazionalità Persone Registrate % sul totale
Comunitaria 344 1,7
Extra U.E. 1.034 5,1
Italiana 18.661 92,0
Non Classificata 252 1,2
Totale 20.291 100,0
Un dato, quello degli imprenditori stranieri che, in linea con la demografia e le imprese, è andato costantemente crescendo negli ultimi anni: nel 2009 il peso percentuale degli imprenditori stranieri sul totale sfiorava il 5% del totale (in v.a. 1.107 persone). Analizzando le nazionalità degli imprenditori stranieri troviamo una variegata rappresentanza: ben 79 stati diversi anche se i primi cinque coprono oltre il 50% delle presenze totali. Oltre il 15% degli imprenditori stranieri è nato in Marocco o in Svizzera (che non è escluso siano italiani di ritorno), seguono cinesi (8,5% del totale stranieri, 11% se consideriamo solo gli extra UE) e rumeni. Se dovessimo descrivere con una parola gli imprenditori stranieri questa sarebbe: GIOVANI. Quasi 7 imprenditori stranieri su 10 hanno meno di 50 anni (gli italiani under 49 sono invece solo il 44% del totale).

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa