logo1

Qualità aria, Piemonte: riparte il protocollo antismog

torino palazzolascaris

Comunicato Stampa - E' ripreso il protocollo operativo regionale antismog con la pubblicazione del report giornaliero della concentrazione di PM10 nell’aria da parte di Arpa Piemonte e del "cruscotto" dei provvedimenti sul sito della Regione Piemonte, che aveva visto una fase sperimentale nel marzo scorso.

Per l’assessore regionale all’Ambiente, condividere con le amministrazioni locali delle misure concrete e omogenee al fine di contrastare l’inquinamento atmosferico è fondamentale per preservare la qualità dell’aria. Il “semaforo” intende fornire ai sindaci e ai cittadini delle linee-guida da seguire nelle giornate critiche, in modo da mettere a sistema azioni comuni e di area vasta con l’obiettivo di ridurre l’impatto degli agenti inquinanti in atmosfera. Per raggiungere risultati concreti, è auspicabile che tali misure siano accompagnate da stili di vita improntati alla sostenibilità, al risparmio energetico e alla mobilità intelligente.

Il direttore generale di Arpa Piemonte Angelo Robotto sottolinea che a supporto del Protocollo antismog voluto dalla Regione Piemonte, Arpa produrrà giornalmente una tabella per rappresentare sinteticamente lo stato di qualità dell'aria nei comuni con più di 15.000 abitanti relativamente al PM10: in particolare saranno riportati i dati degli ultimi 7 giorni osservati nelle stazioni della rete di monitoraggio dotate di un misuratore automatico di PM10 e i dati previsti del giorno in corso e dei due successivi. A partire da questa tabella verrà prodotto il "cruscotto" regionale per ciascun comune, con evidenza immediata del raggiungimento delle soglie a cui sono correlate le diverse misure proposte. L'attività era già stata avviata sperimentalmente nel marzo scorso, peraltro in condizioni di inquinamento non critiche. L'omogeneità delle azioni adottate dai comuni sul territorio regionale è una importante condizione per aumentare l'efficacia dei provvedimenti di contenimento dell'inquinamento atmosferico.

Per ognuna delle aree la valutazione dell’eventuale attivazione di uno dei livelli del cruscotto viene effettuata quotidianamente mediante un algoritmo che analizza, sulla base delle soglie adottate, sia i dati misurati fino al giorno precedente da una o più stazioni di riferimento, sia i dati previsti per il giorno in corso e per i due successivi.

Stante la soglia di concentrazione giornaliera di PM10, definita dannosa per la salute umana dalla Oms pari a 50 µg/m il suo raggiungimento consecutivo per 7 giorni attiva il livello di cruscotto di colore giallo, a cui conseguono almeno le azioni seguenti:

−  Blocco circolazione urbana per veicoli diesel Euro III dalle 8.30 alle 18.30 o con orario in accordo con le limitazioni già in vigore

−  Riduzione di 1 grado (o di 1 ora del funzionamento) del riscaldamento degli edifici pubblici

−  Divieto di bruciare residui vegetali in campo

−  Divieto di utilizzo caminetti aperti

−  Divieto di spandimento libero in agricoltura dei liquami derivanti da deiezioni animali nel raggio di 20 Km dagli agglomerati sottoposti alle misure

Al raggiungimento consecutivo per 3 giorni del doppio della soglia limite di concentrazione giornaliera di PM10 pari a 100 µg/m si attiva il livello di cruscotto di colore arancio a cui conseguono le ulteriori azioni seguenti:

−  Blocco circolazione urbana per veicoli diesel Euro IV dalle 8:30 alle 18:30 o

con orario in accordo con le limitazioni già in vigore

−  Ulteriore riduzione di 1 grado (o di 1 ora del funzionamento) del riscaldamento degli edifici pubblici (2 gradi o 2 ore in meno)

Al raggiungimento consecutivo per 3 giorni del triplo della soglia limite di concentrazione giornaliera di PM10 pari a 150 µg/m si attiva il livello di cruscotto di colore rosso cinabro, a cui conseguono le ulteriori azioni:

−  Riduzione della velocità sulle strade tipo A/B a 90km/h massimi (90km/h per

strade tipo A, 70 km/h strade di tipo B)

−  Blocco totale circolazione urbana mezzi diesel dalle 8:30 alle 18:30 o con

orario in accordo con le limitazioni già in vigore

Al raggiungimento consecutivo per 3 giorni di una concentrazione giornaliera di PM10 pari a 180 µg/m si attiva il livello di cruscotto di colore rosso vivo, a cui conseguono le seguenti azioni:

−  Blocco totale circolazione urbana veicoli privati nei giorni feriali dalle 8:30 alle 18:30 o permanente

−  Blocco totale circolazione nelle aree extra urbane veicoli privati nei giorni feriali dalle 8:30 alle 18:30 o permanente

−  Bus gratuiti

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa