logo1

La Regione alla Marcia per l’amnistia, la giustizia e la libertà e al Giubileo dei carcerati

torino palazzolascaris

Anche la Regione Piemonte prenderà parte - domenica 6 novembre a Roma - alla Marcia per l’amnistia, la giustizia e la libertà e al Giubileo dei carcerati. Lo ha annunciato giovedì 3 novembre il garante regionale dei detenuti Bruno Mellano nel corso della conferenza stampa convocata a Palazzo Lascaris, sede dell’Assemblea legislativa piemontese.

“La marcia partirà alle 9.30 dal carcere Regina Coeli, giungerà in piazza San Pietro in tempo per l’Angelus di papa Francesco - ha spiegato Mellano - e vedrà la presenza del gonfalone della Regione e di un consigliere regionale del gruppo Pd in rappresentanza del Consiglio e della Giunta del Piemonte”.

Organizzata dal Partito radicale transnazionale nonviolento e transpartito e intitolata quest’anno alla memoria di Marco Pannella e a papa Francesco, ha spiegato Sergio Rovasio a nome degli organizzatori, la marcia coinvolgerà realtà impegnate sul territorio piemontese come Gruppo Abele, Libera - che raccoglie circa 1.500 associazioni che si occupano di detenuti -, Acli e Unione Camere penali.

“Al Giubileo dei carcerati - ha dichiarato don Domenico Ricca, cappellano del carcere minorile Ferrante Aporti - papa Francesco ha invitato detenuti in permesso con i loro familiari, accompagnati da volontari e operatori penitenziari. Dal Piemonte è prevista la partecipazione di una delegazione composta complessivamente da 8 reclusi: 4 del carcere d’Ivrea, 3 di quello di Torino e uno di quello di Cuneo”.

Per offrire a tutti i carcerati la possibilità di celebrare il Giubileo, domenica prossima in ogni carcere del Piemonte verrà aperta una Porta Santa. E 25 detenuti del carcere d’Ivrea, inoltre, compiranno un pellegrinaggio al Santuario di Oropa.

Davide Mosso dell’Osservatorio Carceri dell’Unione Camere penali ha infine ricordato la partecipazione ideale alla marcia di oltre 11.000 reclusi attraverso il digiuno - sabato 5 e domenica 6 - per unirsi alla richiesta d’amnistia.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa