logo1

Il Pd critica le 'isole spartitraffico' installate a Domodossola

Secondo i Dem sono malsegnalati e pericolosi sia per gli automobilisti che per i ciclisti

domo spartitraffico

 

Non piacciono al Partito Democratico di Domodossola i nuovi ‘’salvagenti spartitraffico’’ installati in città. In un comunicato il partito democratico afferma di aver consultato ‘’parecchi cittadini e constatato che l'impressione è diffusa’’. 
‘’Il progetto di abbattere le barriere architettoniche e mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali va  nella direzione giusta – scrive - , tuttavia desta perplessità la maniera in cui i soldi pubblici sono stati spesi dall'attuale giunta’’. Da qui la richiesta di rivedere il progetto per realizzare concretamente il rallentamento delle automobili.

 

La segreteria del partito si sofferma  soprattutto sui ‘’salvagenti’’ di via Cassino.

‘’Sono mal segnalati e pericolosi – dice il Pd - . Gli automobilisti non sanno dell'esistenza di questi nuovi ostacoli e di notte potrebbero trovarseli all'improvviso davanti.  Ma, ancora peggio, pare proprio che le isole siano quasi del tutto inutili. Nel sopralluogo effettuato, in 30 minuti nessuna macchina ha ridotto sensibilmente la velocità...anzi, si sono tutte limitate ad una pericolosa sterzata verso il marciapiede, con rischi per i pedoni. La concentrazione del guidatore infatti in quei casi viene catturata dal salvagente a centro strada, perdendo la cognizione di quello che accade alla sua destra’’.
Il Pd sostiene che ‘’diversi studi hanno dimostrato come opere del genere riducano la velocità solo del 4 per cento quindi quei salvagenti rappresentano solamente un pericolo per gli automobilisti; per non parlare dei ciclisti che dovessero transitare in simultanea con essi’’.

 

Renato Balducci

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa