logo1

Omegna, Piazza Martiri Libertà cambia nome

Lo spiazzo sarà intitolato al maresciallo Armando Diaz. Le opposizioni insorgono

omegna piazza martiri

 

Una parte di piazza Martiri della Libertà intitolata al maresciallo d’Italia Armando Diaz: è questa la proposta dei gruppi di maggioranza del consiglio comunale di Omegna. Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e la lista civica “Omegna nel cuore” hanno presentato un ordine del giorno che verrà discusso nella prossima assemblea. L’area interessata sarà quella intorno al monumento dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale. “Nel 2018 si celebra il centenario della chiusura della Grande Guerra e quindi ci sembra giusto intitolare una piazza della nostra città ad un grande personaggio – sottolinea il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Luigi Songa –. Ad Omegna non esistono vie o piazze in ricordo degli eroi che hanno valorosamente vestito l’uniforme nei due conflitti, mentre la lotta partigiana è riproposta in modo addirittura ridondante”. L’ordine del giorno ha già innescato le prime polemiche politiche in città. Ad alzarle è stato il circolo locale del Partito Democratico. “È un’operazione pessima e da respingere per più di un motivo – chiosa Mario Cavigioli, segretario dei democratici omegnesi –. Prima di tutto non è certo una priorità amministrativa revisionare le intitolazioni delle vie del centro cittadino, poi non risponde a nessuna logica sopprimere una denominazione così significativa e così profondamente legata alla storia della nostra città, insignita con la medaglia d’oro della Resistenza”. E poi Cavigioli aggiunge piccato: “Durante i primi 12 mesi di governo questo Centrodestra sta attaccando in ogni modo i valori della Resistenza, tanto che ha definito ridondante la presenza di riferimenti partigiani in città: l’obiettivo non è dunque onorare Diaz, ma attaccare il ricordo della Resistenza”.

 

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa