logo1

Schianto mortale contro le rocce

Omar Mestriner era la prima volta che volava nei cieli vigezzini. Il 35enne risiedeva a Novi Ligure

omar mestriner

 

La vela che improvvisamente si sgonfia con il parapendio che ormai si trova troppo vicino alle rocce, poi l'atterraggio di emergenza e la scivolata, fatale, lungo la piodata. Tragica domenica, quella di ieri, per un appassionato di volo di Novi Ligure. Omar Mestriner, 35 anni, ha perso la vita dopo essere precipitato per circa 150 metri dalla Pioda di Crana, in Valle Vigezzo, la cima a forma di piramide compresa tra i territori di Toceno e Santa Maria Maggiore. In compagnia di un amico Omar ieri era salito in funivia alla Piana di Vigezzo,  meta molto frequentata e conosciuta dagli appassionati di parapendio e deltaplano. Il novese non era un principiante, anche se era la prima volta che decideva di volare nei cieli della Valle dei pittori. Domenica nel primo pomeriggio qualcosa non ha però funzionato: tutto d'un tratto la sua vela si è chiusa mentre volava vicino alla Pioda di Crana; ha tentato un atterraggio di fortuna sulla lastronata di roccia, a oltre 2000 metri di quota, ma poi la vela si è nuovamente gonfiata e lo ha fatto precipitare per circa 150 metri lungo la piodata, la ripida parete rocciosa che contraddistingue il versante est della montagna, dove ha trovato la morte. Complicate le operazioni di recupero della salma da parte dei tecnici del soccorso che si sono dovuti calare con le corde lungo la parete. Oltre all'eliambulanza, hanno operato anche le squadre del soccorso alpino vigezzino e del Sagf. La salma è stata elitrasportata all'obitorio del San Biagio di Domodossola. La tragica notizia si è rapidamente diffusa a Novi Ligure dove Omar viveva, nel quartiere Lodolino. Non sono state ancora fissate le esequie.

Marco De Ambrosis

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa