logo1

A Genova si scava per cercare la famiglia Cecala di Oleggio

 cecala

Sarebbero state individuate parti della loro auto; il loro cellulare, che continua a squillare a vuoto, aggancia la cellula di Sanpierdarena

 

 

C’è sempre più la convinzione che la famiglia Cecala di Oleggio (il padre Cristian, la madre Dawna e la piccola Crystal) sia sepolta sotto le macerie del ponte Morandi. Sarebbero state individuate parti della loro vettura ma i vigili del fuoco non sono ancora arrivati ai corpi. La polizia postale ha fatto una verifica, il cellulare dei Cecala squilla dando il libero ed aggancia la cellula di Sanpierdarena, luogo del disastro. E’ questo un elemento che fa pensare che siano proprio sotto le macerie. Le persiane della loro casa di Oleggio, in frazione Bedisco, sono chiuse. I vicini di casa sono increduli. Il fratello Antonio non lascia Genova, è lì con la moglie per avere notizie dei congiunti. In contatto continuo con lui la Prefettura di Novara e il sindaco di Oleggio Massimo Marcassa riferisce che dalla Giamaica sono giunti a Genova anche parenti di Dawna. La coppia si era sposata nel 2008 e l’anno successivo e nata Krystal. La famiglia è stata vista per l’ultima volta in paese lunedì, al mercato cittadino, il giorno dopo la partenza per Livorno per imbarcasi per l’Isola d’Elba. Ma all’imbarco non è mai arrivata.

 

di Franco Filipetto

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa