logo1

Mostra "E poi sono morti sapendo di morire", incontro con Stefano Torrione

 vogogna mostra

 

Primo evento collaterale serale alla mostra allestita fino al 4 novembre presso la Bulloneria Morino di Vogogna

 

Nell'ambito degli eventi collaterali alla mostra"E poi sono morti sapendo di morire" (memorie della prima Guerra Mondiale) collocata nella suggestiva cornice d'archeologia industriale della Bulloneria Morino di Vogogna, domani sabato 22 settembre alle ore 21,00 incontro con Stefano Torrione, autore del libro fotografico La Guerra Bianca. Torrione illustrerà il viaggio tra i ghiacciai e le cime che furono teatro della più grande guerra di montagna della storia. Il reportage è stato realizzato in occasione del centenario della Grande Guerra e pubblicato da National Geographic Italia nel numero di marzo 2014 (il primo servizio di un’edizione straniera a essere tradotto e ripreso dal sito internazionale nationalgeographic.com). Il fotografo ha dedicato tre anni a percorrere la linea del fronte, sulla lunga cresta di confine tra il Passo dello Stelvio e l’altopiano carsico, dove le truppe austro-ungariche e italiane si affrontarono in zone impervie in cui mai si era combattuto, fino a 3000 metri di altitudine, tra le cime e i ghiacciai delle Alpi centrali e orientali. L’itinerario del fotografo, accompagnato dall’alpinista della Commissione storica della Sat Marco Gramola segue le tracce lasciate dalle migliaia di uomini mandati a combattere e a morire in condizioni proibitive: trincee, baracche, gallerie scavate nella roccia, postazioni di combattimento, ma anche armi e oggetti personali ritrovati in quota, testimonianza di uno degli eventi più tragici della storia dell’umanità.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa