logo1

Sanità. Interpellanza di Sinistra Unita per la Rianimazione di Verbania

Il consigliere Di Gregorio chiede i tempi dell'entrata in funzione del reparto inaugurato ad aprile

rianimazione

 

Un'interpellanza per sapere quando entrerà in funzione il nuovo reparto di Rianimazione al Castelli. L'ha presentata il capogruppo di Sinistra Unita Vladimiro Di Gregorio. Lo scorso aprile il reparto è stato inaugurato, ma ancora i pazienti non sono stati trasferiti. “Rilevato che a circa 7 mesi dalla inaugurazione tale Reparto - scrive Di Gregorio -, costato ai contribuenti due milioni di euro, all’avanguardia nella tecnologia, con tutte le sue nuove apparecchiature, dotato di 5 posti letto di rianimazione e tre di terapia intensiva cardiologica, risulta ancora chiuso e non utilizzato chiedo al sindaco, che è autorità sanitaria, quali siano le motivazioni del disservizio e se non sia il caso di intervenire prontamente per l’attivazione immediata”. Il sindaco Silvia Marchionini ha chiesto aggiornamenti all’Asl sullo stato dell’arte e spiega che i lavori, che erano ancora in fase di conclusione ad aprile, sono ormai terminati: “tra il 26 novembre e il 3 dicembre - spiega - il reparto sarà trasferito”. Era stato necessario organizzare l’inaugurazione prima che il reparto diventasse attivo date le esigenze di sicurezza dei pazienti, che impongono ai visitatori di entrare con mascherine, camice e calzari. E intanto si stanno concludendo i lavori per la realizzazione della Casa della Salute di Verbania. Sarà ospitata in tre locali ricavati nella sede del Distretto di Sant’Anna. L’Asl è al lavoro per organizzare la sistemazione dei medici e i servizi che verranno offerti, dodici ore al giorno, ai cittadini.  Domani sera intanto sarà presentata la Casa della Salute di Omegna, nel corso di un incontro pubblico al teatro dell'oratorio in via De Amicis dalle 20,45. 

 

 

Maria Elisa Gualandris

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa