logo1

A buon punto il recupero di Villa Nigra a Miasino

Quasi completati i lavori al piano terra, quanto prima inizieranno quelli sul primo piano

miasino villa nigra

 

Il progetto è ambizioso: restituire a Villa Nigra, splendido palazzo risalente al 1600, il suo antico splendore. Soprattutto, renderlo funzionale e vivo grazie a iniziative rivolte anzitutto alle comunità del Cusio.

Dopo una prima fase di restauri, l’edificio comunale è stato oggetto di un importante recupero che ha interessato un’ala, diventata bar ristorante mentre l’ampia sala dove un tempo si trovava l’arancera viene utilizzata come centro per convegni. Da un paio d’anni l’edificio ospita eventi dell’associazione «Asilo Bianco».

Gli attuali lavori riguardano il piano terra con l’architetto Fabrizio Bianchetti e il primo piano con l'architetto Elena Bertinotti, opere che è possibile realizzare grazie ai contributi della Compagnia di San Paolo e di Fondazione Cariplo. Parte dei lavori al piano terra, da 110 mila euro, stanno per essere completati con la posa del riscaldamento a pavimento e delle piastrelle. Quanto prima inizieranno gli altri lavori e il restauro e recupero del primo piano, fase alla quale sta lavorando Elena Bertinotti, per complessivi 140 mila euro.

Con il recupero di un bene di grande valore artistico, si rilanciano le località e le comunità circostanti. Oltre al restauro conservativo degli affreschi e degli imponenti camini, una volta completato l'intervento in Villa Nigra troveranno spazio un water-bar, che è un locale dedicato al tema dell’acqua (dalla sua sacralità all’uso come elemento per far crescere il riso), la sala esposizioni per prodotti del territorio, uno spazio comune di lavoro (coworking), un punto informazioni e un negozio di libri a tema.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa