logo1

Nel 2016 per il Vco reati in calo dell'11%

verbania villataranto

E' emerso dal bilancio sulla sicurezza illustrato stamattina in Prefettura. Diminuiti soprattutto i furti, resta la piaga degli incidenti stradali mortali

Sono in calo dell’11 percento i reati commessi nel 2016 nella provincia del Vco. E’ quanto emerso dal bilancio sulla sicurezza tracciato questa mattina dal prefetto Iginio Olita alla presenza degli esponenti delle Forze dell’ordine e dei Vigili del fuoco. Diminuite le rapine, da 28 a 14, le estorsioni, da 44 a 31, ma soprattutto i furti che complessivamente sono stati il 15,7% in meno rispetto all’anno scorso, passando da 1995 a 1681. Ottimi risultati per quelli in abitazione, passati da 444 a 279, con un calo del 39%. “Risultato reso possibile – ha detto il prefetto – grazie all’ottimo lavoro di squadra delle forze dell’ordine sul territorio”. In diminuzione anche le truffe e le frodi informatiche, da 633 a 561, meno 11 percento. “In particolare – ha ricordato Olita – stiamo lavorando molto per contrastare le truffe agli anziani con il tavolo costituito appositamente”. Resta invece un grave problema quello degli incidenti stradali mortali, che si sono raddoppiati: 4 le vittime nel 2015 e 8 nel 2016. “Da gennaio lavoreremo con l’osservatorio sugli incidenti stradali alla presenza degli enti proprietari delle strade – ha annunciato il Prefetto -. Purtroppo la causa principale è l’eccesso di velocità”. Ultimo bilancio per il Corpo Forestale dello Stato che da gennaio confluirà nell’Arma dei Carabinieri, che ha sporto 19 denunce per rifiuti, 24 per violazioni nelle norme dell’edilizia ed è intervenuto per dieci incendi boschivi. I vigili del fuoco hanno svolto 3719 interventi (diciannove in più dell’anno precedente).
Rimangono 600 i migranti presenti sul territorio. Il Prefetto ha rinnovato l’appello affinché i sindaci dei Comuni ancora non coinvolti nell’accoglienza mettano a disposizione strutture possibilmente piccole per alleggerire le città che hanno un maggior numero di profughi. “Da notare – ha aggiunto Olita – che la presenza dei migranti non ha comportato un aumento dei reati, che invece come abbiamo visto sono diminuiti”.

di Maria Elisa Gualandris

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa