logo1

Stresa Festival: grandi emozioni per il concerto nella Loggia del Cashmere all'Isola Madre

Ieri al Palazzo dei Congressi ospite Vittorio Sgarbi per una lectio magistralis dedicata alla pittrice Artemisia Gentileschi e agli artisti coevi

 

loggia cashmere

 

L'arrivo del pubblico, via lago, all'ora del tramonto. Poi l'ingresso in quello che nulla ha da invidiare ad un giardino fatato. La magia dell'Isola Madre e l'energia della musica: binomio vincente sabato sera per il concerto di Modo Antiquo diretto da Federico Maria Sardelli. Una performance firmata Stresa Festival dalle grandi emozioni, nella loggia del Cashmere, all'ombra del monumentale cipresso.

<Suonare musica bellissima in posti stupendi: anche questa volta c’è toccato trionfare> il commento del maestro Sardelli che con Modo Antiquo ha proposto una musica capace di entrare nell'intimo del pubblico. In programma rare composizioni sacre di Vivaldi con tre inediti, frutto di un paziente e complesso lavoro di ricostruzione. Solo una profonda conoscenza di tutte le composizioni di Vivaldi e del suo metodo compositivo hanno permesso di operare sui tre concerti per violino e organo contenuti nel "Libro di Anna Maria", una raccolta di parti staccate dei concerti che il compositore veneziano dedicò alla sua allieva prediletta. Impareggiabili i solisti Federico Guglielmo al violino e Roberto Loreggian all'organo, che, per stessa ammissione di Sardelli, <Hanno fatto scintille in questi impervi concerti>.

Domenica un altro grande appuntamento di Stresa Festival dedicato ad Artemisia Gentileschi con lectio magistralis di Vittorio Sgarbi al Palazzo dei congressi. Nella prima parte della serata la figura della pittrice seicentesca è stata al centro di un progetto di videoarte e musica dal vivo.

Anagoor, compagnia teatrale vincitrice del Leone d’Argento 2018, in collaborazione con l’Accademia d’Arcadia ha proposto "Et manchi pietà": partendo dalle opere della Gentileschi, un dialogo tra la potenza delle immagini che riflettono episodi traumatici della vita di una donna di grande temperamento e la musica del primo barocco italiano. Monteverdi, Rossi, Landi, Castello, Fontana e altri sono stati eseguiti con strumenti d'epoca. La voce era della soprano Roberta Invernizzi. Al termine Vittorio Sgarbi ha analizzato il lavoro di Artemisia Gentileschi e dell’ambiente artistico coevo.

I prossimi appuntamenti con Stresa Festival: domani, martedì nel salone degli arazzi di Palazzo Borromeo all'Isola Bella il concerto del noto pianista francese Pierre Laurent Aimard; Aimard stasera proporà all'Hotel Regina Palace di Stresa il concerto degli allievi della masterclass che ha tenuto nei giorni passati.

Mercoledì al Palazzo dei Congressi protagonisti tre giganti della musica come Bach, Mozart e Haydn nel concerto dell'Orchestra della Toscana diretta da Daniele Rustioni con Francesca Dega al violino.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa