logo1

Era di Samarate la coppia morta nell'incidente di sabato in autostrada

morti autostrada

I due coniugi erano molto conosciuti anche in Ossola. Erano appassionati della montagna formazzina dove avevano una casa

Nello spazio di soli sei chilometri di autostrada A/26 si sono verificati due incidenti stradali con tre morti. E’ accaduto sabato pomeriggio nel tratto tra Arona e Sesto Calende. Il primo all’interno della galleria Mambrino, al chilometroi 12.5 del raccordo tra la A/26 dei Trafori e la A/8 dei Laghi, nel comune di Sesto un autoarticolato ha tamponato un Fiat Doblò che era fermo a causa di un guasto. A bordo Francesco Boccardi, 62 anni e la moglie Fausta, di 65. L’uomo stava telefonando al carro attrezzi, mentre la consorte stava posizionando il triangolo. Su di loro è piombato un autoarticolato con targa tedesca che ha travolto la donna e distrutto il furgone. Inutili sono stati i soccorsi da parte della Croce Rossa di Arona e dell’elisoccorso di Borgosesia, i due coniugi sono deceduti sul colpo. Erano residenti a Samarate, in provincia di Varese, e stavano rientrando alla loro abitazione dopo aver fatto visita al figlio in Alta val Formazza. Complesso infatti è stato il comunicare ai parenti il decesso. Sul posto sono intervenute anche le squadre dei vigili del fuoco di Mercurago e Somma Lombardo. L’autostrada A/26 è stata chiusa nella corsia Sud sino alle 19.15. Creando così intasamenti nelle vie alternative, nell’attraversamento di Oleggio Castello, Arona e Dormelletto. Dopo tre ore un secondo incidente si è verificato nel tratto tra Arona e Castelletto Ticino che ha visto coinvolte una moto e tre vetture. Deceduto sul colpo il motociclista un 35enne, originario delle Romania, ma residente a Nerviano, in provincia di Milano, e di nuovo disagi per al circolazione. Feriti lievi gli occupanti delle vetture. Insomma un sabato pomeriggio nero per quando è accaduto.

F.f.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa