logo1

I dipendenti della Travi e Profilati devolvono 4 ore di lavoro alla famiglia Guizzardi

E' stato deciso nel corso della assemblee convocate oggi. Al mondo sindacale - i lavoratori - hanno chiesto di riportare in primo piano il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro

I dipendenti della Travi e Profilati di Pallanzeno doneranno l’equivalente di 4 ore di lavoro alla famiglia di Ivan Guizzardi, il ragazzo di appena 26 anni morto nelle notte fra venerdì e sabato in un capannone della fabbrica siderurgica di Pallanzeno. Era dipendente della ditta che ha in appalto i servizi di movimentazione per conto del polo metalmeccnaico ossolano, la Lomazzi Lino di Vogogna. Fra pochi giorni avrebbe lasciato la fabbrica per un nuovo lavoro. Una beffa del destino per Ivan e i suoi cari.
La decisione di devolvere 4 ore di lavoro alla famiglia Guizzardi è stata decisa oggi nel corso della assemblee organizzate a seguito di questa nuova morte bianca. Rabbia e tanto dolore lasciando trasparire le poche righe del comunicato rilasciato al termine degli incontri che, i lavoratori dei diversi turni, hanno avuto con i loro rappresentanti sindacali. Ancora in stato di shock i 200 dipendenti della Travi e Profilati hanno deciso di chiedere alle segreterie di Cgil Cisl Uil di riportare alla ribalta locale il tema della sicurezza nelle fabbriche, nei cantieri e in ogni luogo di lavoro. Vogliono che sul tema sia coinvolto il Prefetto affinché vi sia una mobilitazione generale su tutto il territorio. Al numero uno di Villa Taranto chiedono la convocazione di un tavolo di confronto e analisi sulla sicurezza dei posti di lavoro nel Vco. Non vogliono il ripetersi di tragedie come quelle che la famiglia di Ivan Guizzardi sta vivendo in queste ore.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa