logo1

Omegna Si Cambia, che stilettate al sindaco

Omegna Si Cambia interviene nel dibattito politico con una serie di critiche al sindaco Marchioni

Il 2019 si era chiuso piuttosto male in termini di rapporti tra l'amministrazione comunale, il consiglio comunale e la città e il nuovo anno è iniziato altrettanto maluccio, evidenziando l'insofferenza del sindaco Marchioni al dialogo e al confronto diretto, soprattutto con le persone che non la pensano come lui.

 

Francamente questo atteggiamento ci sorprende, da parte di un amministratore pubblico, considerato esperto e capace, che dovrebbe mettere in conto il fatto che non è possibile circondarsi sempre e solo con chi ti dice "quanto sei bravo e quanto sei buono!" Anzi...è importante accettare di relazionarsi con gli altri di minoranza e opposizione, per evitare il rischio di perdere il contatto con la realtà. E ci pare che Marchioni abbia perso il senso della realtà, dei problemi e delle reali priorità; lo dimostrano anche alcune prese di posizione all'interno della stessa maggioranza.

 

Detto questo, siamo sorpresi del tempo e delle energie che il sindaco di Omegna, nonostante i suoi ruoli di amministratore, di navigator, di consigliere d'amministrazione di Tecnocque Cusio e del COQ (e forse dimentichiamo qualcosa??!) e nonostante la sua professione certamente impegnativa, riesce a dedicare alla gestione della sua personale comunicazione sui social, rispondendo sempre a tono a chiunque, dispensando lezioni di morale e di comportamento, giudicando e pregiudicando tutti quelli che  muovono critiche e regalando batture e sarcasmo senza freni, sfiorando l'insulto e la denigrazione.

Qualche giorno ad esempio ha persino utilizzato un'immagine del web ispirata ad una vivace discussione televisiva tra la giornalista Annunziata e Di Maio per definire i consiglieri di minoranza di Omegna "inadatti e impreparati"! L'ennesima caduta di stile di un sindaco sempre più nervoso e in difficoltà.

 

Ci piacerebbe che Marchioni trascurasse i social e dedicasse più energie ed attenzione alla città e a tutti i suoi problemi che sono tanti e sotto gli occhi di tutti. Ci piacerebbe che si confrontasse sui temi in maniera diretta, chiara e personale, senza nascondersi dietro ad una tastiera. Ci piacerebbe che trovasse, o ritrovasse, quella capacità di ascolto e attenzione che ha smarrito.

 

Noi abbiamo dimostrato sempre volontà e disponibilità a collaborare; lo abbiamo fatto in consiglio, negli organismi nei quali siamo stati coinvolti, nell'esperienza del Masterplan con il nostro rappresentante... Per tutta risposta lui ci definisce "inadatti e impreparati"!

 

Ma veniamo al dunque! Chiediamo al sindaco e all'amministrazione comunale di organizzare un "consiglio comunale" itinerante nelle vie, nelle piazze e nei quartieri di Omegna per verificare e toccare con mano tutti i problemi ancora irrisolti e aperti e per valutare le "priorità" di intervento che hanno riconosciuto e riconoscono anche alcuni suoi assessori a cominciare dall'assessore Corbetta! Invitiamo il sindaco a non nascondersi più dietro a un dito o peggio ancora ad una tastiera del computer e a metterci la faccia. Nel 2019 sono state fatte poche cose e confuse, soprattutto in termini di opere e lavori per non parlare della cura, della pulizia e della dignità della città!  Cerchiamo di fare in modo che il 2020 non sia un altro anno sprecato.

 

Tutto questo perché, caro sindaco, se non si affrontano i problemi veri e concreti, se si scappa dal confronto, se ci si limita a giudicare e ad offendere quelli che non la pensano come lei...il rischio è che iniziative lodevoli come la Cittadinanza offerta a Liliana Segre, risultino essere strumentali e finalizzate solo a distrarre l'attenzione dalle cose non fatte o fatte male ...

E sono davvero tante...troppe caro sindaco!!!

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa