logo1

"4 anni senza Giulio", anche a Verbania osservato un minuto di silenzio

 Il Gruppo 096 di Amnesty di Verbania ha promosso una mobilitazione in contemporanea a quanto avveniva in tante città italiane nel quarto anniversario della scomparsa del ricercatore

 

E’ tornato sulla facciata di Palazzo Flaim a Intra lo striscione “Verità per Giulio Regeni” a cura di Amnesty International. Sabato sera organizzata “4 anni senza Giulio”, il Gruppo 096 di Amnesty di Verbania ha promosso una mobilitazione in contemporanea a quanto avveniva in tante città italiane nel quarto anniversario della scomparsa del ricercatore.

Ricordiamo che il giovane, dottorando presso l’università di Cambridge, è stato sequestrato al Cairo, in Egitto, il 25 gennaio 2016. Torturato ed ucciso, il suo cadavere è stato ritrovato il 3 febbraio.

Gli attivisti di Amnesty hanno portato cartelli con l’immagine del ragazzo e tanti lumini hanno rotto il buio della notte verbanese. E’ stata data lettura di un comunicato diffuso da Amnesty, che ricorda gli sviluppi della vicenda nel corso degli anni e l’immutata volontà di avere giustizia, e della lettera dei genitori del giovane, Paola e Claudio, che hanno ringraziato tutte le persone scese in piazza, in Italia e all’estero, <Mentre percorriamo assieme il faticoso cammino – hanno scritto - , ormai da quattro anni, alla ricerca di verità e giustizia per Giulio>.

Alle 19.41, ora in cui quattro anni fa Regeni uscì di casa per l’ultima volta da giovane e libero cittadino del mondo, è stato osservato un minuto di silenzio.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa