logo1

Studenti a lezione di sicurezza sugli sci

L'iniziativa è stata promossa dal Provveditorato in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri

Studenti a lezione di sicurezza sugli sci. L'iniziativa è dell'Arma dei Carabinieri, in collaborazione con il Provveditorato agli Studi di Torino, ai volontari del Soccorso Piste e alle Società di gestione degli impianti della Provincia. E' stata programmata una serie di incontri formativi con le classi che trascorrevano giornate sulla neve o la settimana bianca organizzata dalla scuola. Durante gli incontri i Carabinieri sciatori si rivolgono ai giovani per dare loro alcune indicazioni sul comportamento da tenere sia in caso di infortunio sulle piste da sci, sia durante la normale attività. I militari, insieme ai volontari del Soccorso Piste e agli insegnanti, durante gli incontri spiegano ai ragazzi le regole da rispettare, sia perché previste dalla legge, sia per il buon senso, invitandoli a rispettare gli altri frequentatori della montagna secondo le norme della convivenza civile. I ragazzi si sono dimostrati molto interessati alle lezioni dei militari. Il messaggio è chiaro: via libera al divertimento purché in sicurezza e nel rispetto degli altri.
Oltre all’attività preventiva, i Carabinieri sciatori del Comando Provinciale di Verbania, nel corso di questa stagione, hanno elevato diverse sanzioni. Fino ad ora sono stati registrati oltre 60 interventi di soccorso sulle piste, 15 rifugi e ristoranti controllati, circa 70 sciatori sottoposti a controllo, 10 dei quali sono stati sanzionati. Le sanzioni riguardano sempre il mancato rispetto delle norme di sicurezza per se stessi e per gli altri. Molte anche le segnalazioni per uso di stupefacenti sulle piste con il relativo sequestro di sostanze del tipo marijuana o hashish: 6 gli sciatori sorpresi mentre facevano uso di stupefacenti, tutti sanzionati e segnalati alla Prefettura.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa