logo1

Nuove dichiarazioni dopo l'incontro sulla sanità a Torino

Sono intervenuti il consigliere regionale Preioni, il sindaco di Quarna Sopra Quaretta e l'on. PD Enrico Borghi

Nuove reazioni dopo l’incontro dell’altro ieri a Torino con il governatore Cirio in tema di sanità. <Offriremo cure di serie A a tutti i cittadini del Vco. Chiediamo collaborazione per il bene comune> sono le parole delle ultime ore del consigliere regionale leghista Preioni. Ma di oggi anche le comunicazioni di Quaretta e Borghi.

<Sanità e nuovo ospedale - Prospettive confuse, tempi incerti, ambiguità, contraddizioni. La disponibilità di Cirio e quella strana idea di democrazia del Consigliere Preioni!>. Così il sindaco di Quarna Sopra Augusto Quaretta all'indomani dell'incontro che si è svolto a Torino sulla sanità.

<Abbiamo sentito di tutto e il contrario di tutto a conferma del fatto che nonostante i proclami e gli annunci da parte di qualcuno, ciò che sarà dell'organizzazione sanitaria locale è ancora tutto da scrivere! Cirio si è dimostrato aperto e disponibile ad ascoltarci. L'impressione è che gli siano state raccontate cose un pò diverse rispetto alla realtà degli umori e delle volontà del nostro territorio e questo non gli è certo d'aiuto> afferma Quaretta. . <La verità – prosegue- è che al momento non c'è nulla e si saprà forse qualcosa solo durante o dopo l'estate!>. Da Quaretta critiche alle parole di Preioni: <La Regione non è una segreteria di partito- afferma- ; è un'istituzione e chi viene eletto ha il diritto di governare, ma anche il dovere di ascoltare e rispettare tutti>. <Confido nell'equilibrio e nella capacità del presidente Cirio di non farsi condizionare dai suoi "azionisti di maggioranza" in Consiglio perchè gli unici, veri azionisti a cui rendere conto sono i cittadini> conclude.

Sulle notizie trapelate dopo l’incontro torinese anche la presa di posizione dell’on. Pd Enrico Borghi, chiede chi sono i privati interessati all’alienazione del Castelli. <Se queste indiscrezioni rappresentano la realtà dei fatti – dice Borghi - il presidente Cirio e il consigliere regionale Preioni hanno l’obbligo di fornire chiarimenti>. Chiarimenti in ordine all’identità, ai contenuti del confronto, alla posizione dell’assessore regionale Icardi assente all’incontro, al valore patrimoniale degli asset pubblici che si andrebbero ad alienare. <Su questi, e su altri aspetti, per i quali si rende necessaria una attività di trasparenza allo stato confusamente assente, preannuncio la predisposizione e il successivo deposito di una specifica interrogazione parlamentare al Ministro della Salute> conclude Borghi.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa