logo1

Oggi il ritorno del mercato completo a Stresa

 

Intanto ci si prepara alla riapertura di bar e ristoranti ma domani diversi locali non riapriranno: si attende il via libera alle frontiere

Venerdì, giorno di mercato a Stresa in piazza Capucci. Anche nella perla del Lago Maggiore sono tornati i banchi di tutte le tipologie. Ingressi ed uscite separati, segnalazioni sulle distanze di sicurezza, gel igienizzanti a disposizione dei clienti. A vigilare la polizia locale e la Protezione civile stresiana. I cittadini in mattinata non hanno mancato di fare acquisti, certo manca l’importante quota di pubblico rappresentata dai vacanzieri.

Intanto anche una delle località simbolo del turismo del nostro territorio si appresta alla riapertura di bar e ristoranti, potranno farlo a partire da domani. In realtà però diversi locali restano in stand by, così come molti albergatori. Si attende la riapertura dei confini, regionali e internazionali, che dovrebbe essere prevista per il 3 giugno visto il pubblico stresiano prevalentemente straniero. Ecco come si presentava oggi la nota “piazzetta”: pedana al centro – novità della passata stagione – ancora praticamente vuota, qualche titolare di locale al lavoro per pulizia e sanificazione di ambienti e arredi. Insomma qualcuno domani riaprirà, qualcuno era già attivo con il take away, ma diversi operatori locali attenderanno ancora l’evolversi della situazione: troppo limitato al momento il potenziale pubblico sebbene sia le Isole Borromee che il Parco di Villa Pallavicino abbiano spalancato i loro cancelli.

Intanto per andare incontro ai commercianti il sindaco Giuseppe Bottini spiega di aver al momento fatto tutto quanto è nelle sue facoltà, nessuna tassa sui dehors fino al 31 ottobre, poi occorrerà capire come si muoverà lo Stato centrale. Sarà possibile sfruttare il plateatico tutto l’anno, fino a marzo 2021. Si anche all’ampliamento di queste aree all’aperto, le possibilità sono tuttavia limitate a causa degli spazi ristretti: solo 5 unità su una sessantina hanno potuto allargarsi. Non nasconde le difficoltà nella stesura del bilancio in una realtà così legata al turismo e con tutte queste incertezze contingenti.

Chiudiamo con una nota positiva,  il sindaco Bottini conferma quanto già anticipato nei giorni scorsi da Federalberghi: per il momento non si registrano disdette nelle prenotazioni alberghiere dal mese di luglio in poi.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa