logo1

Nucleo Rsa Covid Premosello. Rossi ( Pd ) sollecita chiarezza dalla Regione

Intanto il sindaco Monti invita il consigliere regionale di minoranza a Premosello per vedere i lavori fatti e capire l'utilità dell'opera

Vita difficile per il nucleo Rsa Covid di Premosello Chiovenda. La mancanza dell’autorizzazione al suo funzionamento è motivo di scontro a distanza fra il consigliere regionale Domenico Rossi e il sindaco Giuseppe Monti. Nell’era dei social la discussione non poteva che consumarsi su Facebook. Tutto è partito da un post, pubblicato nella serata di lunedì dall’esponente piddino. Un richiesta di chiarimenti indirizzata alla Regione Piemonte che però ha attirato l’attenzione del sindaco. Rossi si è chiesto come sia possibile la realizzazione di una struttura senza le necessarie autorizzazioni. Nel post interroga l’assessore regionale alla sanità a cui per altro ha rivolto un’interrogazione lo scorso 5 maggio senza avere risposte. Nel documento, l’esponente Pd chiede se ci siano impedimenti all’autorizzazione e cosa ne sarà del nucleo Covid in caso di assenza del via libera. Il consigliere regionale accenna poi all’ indagine giudiziaria in corso ovvero sulle modalità di affidamento dei lavori per la costruzione del nucleo Covid. Materia quest’ultima che ha suscitato l’ira del primo cittadino di Premosello “ Mi chiedo perché il Pd del Vco osteggi questa struttura. L’unica dell’Ossola “ la sua replica. E sul passo relativo all’inchiesta in corso precisa : “ Noi non abbiamo affidato nessun lavoro. La partita è stata gestita da chi ha finanziato l’opera. Ho già detto che spiegherò nelle sedi opportune la questione “. Monti invita Rossi a Premosello per valutare di persona il lavoro fatto e la sua utilità. “ Un servizio per la collettività ossolana “ sottolinea. Il sindaco torna poi a focalizzare la sua attenzione sull’Asl del Vco. “ Si è voluto procedere con il bando alla ricerca di alberghi disponibili ad accogliere malati Covid in fase di remissione e non si dà l’autorizzazione alla nostra struttura. E’ incomprensibile”. La questione, diventata già una telenovela, si arricchisce di nuovi particolari quando Monti a giustificare la sua azione aggiunge : “ L’8 aprile ho ricevuto una mail dall’ufficio tecnico dell’Asl con cui mi si chiedeva di apportare alcune modifiche al progetto per ricoverati di Covid 19. Il documento dice che questa richiesta è stata presa in accordo con la Direzione dell’Asl. Questo a sottolineare che il progetto è conosciuto da sempre “. Intanto da qualche giorno le Case di Riposo del Piemonte sono nuovamente autorizzate ad accettare nuovi ospiti. “ Il nucleo di Premosello , in questo momento, serve proprio a questo. La struttura li accoglie per l’isolamento e dopo 14 giorni andranno nelle Rsa “ conclude Monti.  

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa