logo1

Camminava lungo i binari in galleria, al buio la donna salvata dalla Polstrada di Verbania a Stresa

 

La pattuglia era stata avvicinata da alcune persone, molto preoccupate, che chiedevano aiuto per una loro familiare che si era allontanata da casa la mattina e non si trovava

Camminava lungo i binari in galleria, al buio la donna di sessant’anni salvata ieri pomeriggio dalla Polstrada di Verbania a Stresa. La pattuglia era stata avvicinata da alcune persone, molto preoccupate, che chiedevano aiuto per una loro familiare che si era allontanata da casa la mattina e non si trovava. I poliziotti hanno iniziato a cercarla. Alla stazione hanno saputo che le ferrovie stavano per bloccare la circolazione dei treni perché una persona era stata vista camminare lungo i binari della galleria a Carciano. I poliziotti si sono messi sulle sue tracce e, con la luce della torcia, sono riusciti a vederla. La donna non voleva uscire perché diceva di cercare il suo bagaglio. Alla file gli agenti sono riusciti a convincerla e l’hanno accompagnata al sicuro, affidandola all’ambulanza del 118. Ora la Volante sta indagando sulle ragioni dell’accaduto.

E sempre la Polizia del commissariato di Omegna con una pattuglia della Volante ha arrestato, nella notte tra sabato e domenica, un trentenne per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Le pattuglie erano intervenute per la segnalazione di una rissa fuori da un locale. Al loro arrivo i poliziotti sono stati aggrediti dal trentenne, già noto alle forze dell’ordine, che gli ha lanciato un vaso con basamento in cemento e gli ha sputato contro. Due poliziotti sono stati medicati al Dea, riportando ferite lievi. Dovrà scontare ai domiciliari una pena di sei mesi.

I Carabinieri, ieri, hanno arrestato un nigeriano, classe 1974, che all’interno del supermercato Bennet di Verbania ha rubato alcune bottiglie di superalcolici, fuggendo mentre suonavano tutti gli allarmi. I militari sono riusciti a rintracciarlo in poco tempo. E’ risultato che il quarantaseienne è irregolare in Italia. La refurtiva è stata recuperata e restituita. Dovrà rispondere di furto aggravato e di soggiorno illegale sul territorio nazionale. 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa