logo1

Cirio: "Il Piemonte è in salute e pronto a riaprire il 3 giugno"

 

Al momento nessuna certezza sulla riapertura con la Svizzera. Da mercoledì stop all'obbligo di mascherina all'aperto in centri abitati e aree commerciali. Via libera anticipata ai tuffi

 

Piemonte, una Regione in salute che riapre, come le altre, il 3 all'Italia. Al momento nessuna certezza sulla riapertura con la Svizzera. Via libera ai tuffi nei nostri laghi da mercoledì in acque d'eccellenza. Sono alcuni dei punti salienti della conferenza stampa di oggi della Regione, in vista del via libera di dopodomani. <I dati di oggi - sottolinea rispetto alla situazione epidemiologica il Governatore Cirio - testimoniano gli ottimi parametri, ma anche il grande lavoro fatto>. Ha parlato di riapertura all'Europa il 15, riferendo però, in risposta ad un giornalista, che la Svizzera pòtrà invece fare una scelta autonoma. <Il ministro degli esteri ha garantito che avrebbe preso a cuore il problema, io sto lavorando attraverso i miei contatti personali, credo che il 15 sarà confermato anche dalla Svizzera ma al momento hanno la facoltà di tirarsi fuori da questo accordo> ha affermato Cirio.

Non viene prorogata l'ordinanza della Regione Piemonte, in vigore fino alla mezzanotte di domani, che obbliga a indossare le mascherine anche all'aperto nei centri abitati e nelle aree commerciali. <Dal 3 giugno - ha spiegato il presidente Alberto Cirio - torneranno a valere le nome del Dpcm firmato dal presidente Conte. Ma ricordo a tutti che la regola è quella dell'obbligatorietà della mascherina ovunque non sia possibile garantire il rispetto del distanziamento interpersonale>. <La regola specifica adottata in Piemonte per questo lungo ponte del 2 giugno - ha aggiunto Cirio - è stata una scelta giusta, i controlli sono stati svolti in maniera intelligente e ci sono state, finora, poche contravvenzioni. Con la riapertura del 3 torniamo alle norme previste dal Dpcm pronti però a nuovi interventi se si verificassero delle storture>.

Nella stessa videoconferenza l'assessore Matteo Marnati ha spiegato che terminerà prima del previsto il lockdown imposto alla stagione balneare piemontese. La Regione, infatti, ha anticipato dal 15 al 3 giugno la riapertura delle spiagge distribuite su 7 laghi e due corsi d’acqua, 58 delle quali hanno ricevuto il bollino di eccellenza. Arpa Piemonte ha consegnato in anticipo l’esito delle analisi delle acque consentendo questo via libera di concerto con l’assessorato alla Sanità.

Protagonistsi tra gli altri i laghi Maggiore, d'Orta e di Mergozzo e i Torrenti Cannobino e S. Bernardino. Record regionale d'eccellenza per il lago Maggiore con 37 spiagge, seguito dalle 10 del lago D’Orta. 3 sono sul lago di Mergozzo.

Arpa Piemonte, continuerà ad effettuare monitoraggi nel corso della stagione che terminerà il 30 settembre. Sono più di 500 i campioni di parametri microbiologici acquisiti annualmente. La qualità delle acque è sempreconsultabile sul bollettino delle acque di balneazione sul Geoportale di Arpa Piemonte

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa