logo1

Nel Vco il Covid ha bloccato 15mila prestazioni sanitarie

Da giugno ne sono state recuperate 4000. Intanto da lunedì lavorerà a pieno regime la Chirurgia del Coq 

A fatica dopo l’emergenza Coronavirus la macchina sanitaria del Vco si rimette in moto. L’Asl del Vco che a seguito della pandemia, è stata costretta a bloccare visite e interventi già programmati, sta lentamente ritornando alla normalità. Ovviamente post Covid. I numeri disegnano, meglio delle parole la situazione attuale. L’epidemia ha di fatto bloccato 15mila fra ricoveri e visite su tutto il territorio. Domodossola e Verbania trasformati in ospedali per la cura di pazienti affetti da Coronavirus hanno causato il blocco della sanità locale.. Da inizio giugno ad oggi qualcosa è stato però recuperato : sono circa 4000 gli interventi e le visite arretrate effettuate. A questi dati si devono aggiungere le prestazioni urgenti e con codice “b” ovvero quelle da effettuare entro 10 giorni dalla prescrizione.
Se la situazione non fosse già sufficientemente caotica si aggiungano anche i maggiori tempi per la sanifacazione degli ambienti. Ed ecco descritta la situazione che si vive nei reparti e negli ambulatori degli ospedali del Vco. Per altro quadro non difforme da altre realtà. C’è però una buona notizia. Da lunedì riparte la Struttura di Chirurgia del Coq di Omegna. 13 posti letto in degenza ordinaria e 3 in day hospital. Riaprte anche il centro di Epatologia. Questione quest’ultima sollecitata solo pochi giorni fa dai sindaci della Rappresentanza dell’Asl del Vco al direttore generale, Angelo Penna. Il Madonna del Popolo era ripartito con l’attività ordinaria già da settimane. All’attività tipicamente ortopedica si era affiancata anche quella ambulatoriale. Ora questa nuova ripartenza ospedaliera aiuterà a decongestionare ( in parte ) l’attività degli altri due ospedali della provincia. Va detto che il Coq, nel periodo clou della pandemia ha registrato 151 ricoveri Covid. Nel periodo di emergenza massima durata circa 100 giorni, si è occupato anche di altri 84 pazienti in ricoveri ordinari.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa