logo1

Presi gli aggressori dei due panettieri di Pallanza

Si tratta di tre giovani, due italiani e un bulgaro, residenti nel Cusio.Gli uomini del commissario capo Pasquale Cusano li hanno identificati grazie alle testimonianze delle vittime, ma anche grazie ad altri riscontri raccolti durante l'attività investigativa

 
Presi gli autori dell'aggressione ai danni dei due fratelli, titolari della panetteria Spiga d'Oro di Pallanza. Si tratta di tre giovani, due italiani di 22 e 29 anni  e un bulgaro di 25. In quattro erano stati fermati dalla Squadra Mobile della Questura l'8 luglio. Questa mattina sono comparsi davanti al Gip per la convalida del fermo. Tre di loro sono finiti in carcere su ordinanza di custodia cautelare, mentre un quarto, un moldavo, è stato rimesso in libertà: la sua posizione sarebbe infatti stata marginale e non avrebbe secondo il giudice partecipato all'aggressione. Si tratta di persone note alle forze dell'ordine, residenti a Gravellona Toce e a Omegna. 
Gli uomini del commissario capo Pasquale Cusano li hanno identificati grazie alle testimonianze delle vittime, ma anche grazie ad altri riscontri raccolti durante l'attività investigativa. 
Il fatto risale alla notte tra il 17 e il 18 giugno. I due panettieri titolari della Spiga d'Oro di via Ruga stavano andando a lavorare, quando avevano visto un gruppo di giovani, dei quali uno urinava  contro un'auto. Avevano detto loro di smettere. Così era scattata la violenza. I due uomini erano stati presi a pugni e calci e avevano riportato diverse lesioni. Uno dei due se l'era cavata con ferite guaribili in una settimana, per il fratello la prognosi era invece stata di 40 giorni. 
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa