logo1

Ritrovato il corpo senza vita del parapendista ticinese disperso da sabato scorso

E' stata la polizia cantonale a riferire il ritrovamento nell'ambito delle ricerche odierne effettuate con l'impiego di un elicottero dell'esercito in una zona impervia della valle del Chignolasc, a un'altitudine di circa 1.720 metri. Si tratta di una valle laterale della Vallemaggia

 

La speranza durata quasi una settimana si è spenta stamattina quando è stato ritrovato il corpo senza vita di Reto Compagnoni, il parapendiista svizzero di 35 anni disperso da sabato scorso.

E' stata la polizia cantonale a riferire il ritrovamento nell'ambito delle ricerche odierne effettuate con l'impiego di un elicottero dell'esercito in una zona impervia della valle del Chignolasc, a un'altitudine di circa 1.720 metri. Si tratta di una valle laterale della Vallemaggia.

Il corpo dell'uomo è stato recuperato da un elicottero della Rega che, visto il territorio impervio, ha utilizzato l'argano. L'uomo, domiciliato nel Locarnese, in Canton Ticino, era decollato con degli amici sabato mattina da Cimetta, ma il gruppo aveva poi perso il contatto visivo con lui. Lo scorso fine settimana le ricerche si erano concetrate in Val Bognanco, l'ultima zona segnalata dallo spot del parapendista. Poi la connessione del suo cellulare con l’antenna di Someo e lo spostamento delle ricerche nella zona della Valmaggia. Impegnati in questi giorni sia squadre italiane che svizzere. Oggi purtroppo il tragico ritrovamento.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa