logo1

L'orso fotografato in Val Grande

L'animale è stata immortalata da una fototrappola al confine con la Valle Vigezzo 

L'orso è tornato e questa volta è in Val Grande. I militari della Stazione Carabinieri Parco Santa Maria Maggiore, del Reparto Carabinieri Parco Val Grande, ne hanno rilevato la presenza vicino a una carcassa di montone, predata dal lupo. Sulla carcassa era stata posizionata una foto trappola per accertamenti faunistici. Si trovava nei pressi dell'Alpe Scaredi, nel territorio  di Malesco, al confine settentrionale del Parco Nazionale. Dalle immagini si rileva che l’animale, un esemplare adulto, ha consumato completamente i resti dall'animale, che, però era già stato ucciso da un lupo, stazionando nella zona per circa un’ora. Le immagini sono al vaglio di esperti per ulteriori accertamenti. Dalle immagini non è evidente il sesso dell’animale, ma presumibilmente si tratta dello stesso esemplare maschio che nei mesi scorsi è stato avvistato in val d’Ossola e nella zona sud del Parco, ribattezzato M29 e arrivato dal Trentino. Per un periodo non si era più fatto vedere e si pensava che si fosse spostato in provincia di Biella. Ora però è tornato. Per avere la certezza che si tratti proprio di lui ci vorrebbero delle prove biologiche, con accertamenti sul dna, ma visivamente non ci sarebbero dubbi. E' un animale che non ha mai assunto atteggiamenti pericolosi e in passato si è limitato a fare scorpacciate di miele nelle arnie degli apicultori. Questo è importante perché ciascun orso, a differenza ad esempio del lupo che è tendenzialmente più aggressivo, ha un carattere particolare e una propria indole. Di per sé, spiegano i Carabinieri del Parco, evita la presenza umana e ne avverte l'odore anche a grande distanza. Dato che comunque è interessante e importante monitorarlo, i militari del tenente colonnello Andrea Baldi lanciano un appello: segnalare tutti gli avvistamenti o le tracce biologiche. In questi giorni la Val Grande è molto frequentata da escursionisti, cacciatori e cercatori di funghi. Si chiede, in caso in cui si avvisti l'orso, di scattare una foto con il cellulare e di segnalare anche eventuali tracce come escrementi. Si può contattare il numero 1515 o la centrale operativa dell’Arma dei Carabinieri. 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa