logo1

Bus studenti affollati, SOS del Comitato Difesa Trasporti VCO

Chiede un incontro per affrontare la questione. Appoggio dell'on. Cristina che parla di situazione preoccupante e di mezzi pubblici che rischiano di diventare veicolo diffusione del contagio. Chiede coordinamento con le scuole e coinvolgimento dei sindacati

 

Un incontro con i gestori del servizio di trasporto pubblico, i dirigenti scolastici e la Provincia del Verbano Cusio Ossola. A chiederlo è il Comitato Difesa Trasporti Vco. 
Il sodalizio è animato da giovani studenti del territorio, fruitori giornalmente delle corriere di linea che collegano Verbano Cusio e Ossola. “ Sugli autobus non è garantito
il distanziamento. É un controsenso. La scuola si organizza per garantire le lezioni poi, sui pullman siamo tutti vicini “ spiega Alessia Dicosta che del Comitato Difesa
Trasporti Vco è anche presidente. Le tratte maggiormente affollate, stando ai racconti dei ragazzi, sono quelle che viaggiano fra il Verbano e il Cusio. Va un po’ meglio
in Ossola. I passeggeri puntano l’indice contro Vco trasporti. “ All’inizio sugli autobus c’erano i cartelli che indicavano dove potersi sedere ora nemmeno quelli. Unica
novità é che dalla porta anteriore non si sale e tutti devono indossare la mascherina “ aggiunge la rappresentante degli studenti. Vista la situazione, molti ragazzi non
hanno rinnovato l’abbonamento scegliendo di raggiungere la scuola in auto accompagnati dai genitori o in motorino. Il problema aumenterà con l’arrivo del brutto
tempo e l’inevitabile aumento dei passeggeri. Sulla questione la presa di posizione dell'onorevole azzurra Mirella Cristina che parla di situazione preoccupante e di mezzi pubblici che rischiano di diventare veicolo
diffusione del contagio. La stessa appoggia la presa di posizione del Comitato a Difesa dei Trasporti VCO e suggerisce di estendere l'invito al tavolo ai sindacati e
auspica un coordinamento con le scuole. <Se è dispendioso aumentare le corse e attivare tutti i controlli che sarebbero necessari – spiega – è possibile lavorare
almeno su ingressi scaglionati a scuola e orari delle corse perché questa situazione è improponibile>. Conclude: <E' un problema di tutti, da qui la necessità di
allargare il tavolo e di una sinergia di operato>.
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa