logo1

Borrelli a Omegna per il post alluvione: "Lo Stato farà la sua parte"

E la Protezione Civile entro fine mese lancerà un sistema di allertamento utile alla popolazione per consentirle di sapere in tempo reale qual è l'andamento dei fenomeni avversi

 

La Protezione Civile "entro fine mese lancerà un sistema di allertamento utile alla popolazione "per consentirle di sapere in tempo reale qual è l'andamento dei fenomeni avversi. Credo che dobbiamo fare tesoro delle nuove tecnologie". Lo ha detto Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, incontrando gli amministratori del Verbano Cusio Ossola, a Omegna, una delle zone colpite in Piemonte dall'alluvione del 2-3 ottobre. "Il paradigma adottato della Protezione Civile - ha aggiunto - è fare l'uso della tecnologia satellitare e se ce n'è bisogno la impiegheremo anche qui nel Verbano Cusio Ossola''. Borrelli ha incontrato gli amministratori dell'Ossola e del Cusio a due passi dal torrente Strona, che nei giorni scorsi ha causato gravi danni a Omegna. "E' stato un evento eccezionale, devastante, come ho potuto vedere. - ha detto - Posso assicurare che faremo l'istruttoria tecnica per lo stato di dichiarazione di emergenza. Porteremo all'attenzione del consiglio dei ministri la grave situazione delle vostra valle facendo la nostra parte come successo in passato. E' importante la prevenzione, la messa in sicurezza del territorio - ha aggiunto Borrelli - . Mi auguro che nelle risorse del Recovery fund possano essere trovati stanziamenti per i territori più a rischio''. Dopo Omegna, Borrelli ha proseguito per Biella, Limone Piemonte e Alba.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa