logo1

Anche il Vergante piange la morte dell'Ambasciatore Attanasio

Aiutò Anna Maria Fornara a riportare a casa i suoi figli. Erano stati portati in Marocco dal padre

C’è un legame tra il nostro territorio e l’ambasciatore Luca Attanasio, vittima ieri con il carabiniere Vittorio Iacovacci di un attentato in Congo.
Attanasio, ormai dieci anni fa, fu una figura chiave per riportare a casa i due bambini rapiti e portati in Marocco dal padre.
Il caso era balzato alle cronache nazionali: il padre marocchino, tassista a Verbania, nell’agosto del 2010 aveva portato i due bambini nel suo Paese di origine senza il consenso della madre, italiana, dalla quale era separato, e aveva fatto perdere le proprie tracce. La mamma dei bambini si era battuta senza mai arrendersi per i suoi figli, aiutata dagli avvocati Marisa Zariani e Gabriele Bertolio. Dopo diversi mesi di angoscia, finalmente, nel febbraio del 2011 i piccoli erano tornati in Italia.
In Marocco ad accogliere la mamma e i suoi avvocati c’era proprio Attanasio, giovane console di 33 anni. Da subito diede un importante impulso alle ricerche e fu determinante per la fine positiva della vicenda. “Ho un debito enorme nei confronti suoi e dei suoi collaboratori - ricorda oggi la mamma dei bimbi, Anna Fornara -. Ha fatto tutto quello che poteva e forse anche di più. Era al suo primo incarico, era intraprendente, entusiasta  e molto umano. Aveva una grande empatia. E’ stato importantissimo per me, che mi trovavo lontana dal mio Paese. E’ una grande perdita per tutti noi”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa