logo1

Pratomichelaccio, Regione: “Impossibilità di procedere con un provvedimento emergenziale”

Lo dice il documento dei dirigenti Settore servizi ambientali e Settore giuridico legislativo della Regione Piemonte, giunto ieri attraverso l’assessore regionale all’ambiente Marnati, alla Provincia nel VCO e letto nel corso del consiglio provinciale

“Impossibilità di procedere con un provvedimento emergenziale”. Lo dice il documento dei dirigenti Settore servizi ambientali e Settore giuridico legislativo della Regione Piemonte, giunto ieri attraverso l’assessore regionale all’ambiente Marnati, alla Provincia nel VCO e letto nel corso del consiglio provinciale. Il parere tecnico si riferisce all’impianto di trattamento rifiuti di Prato Michelaccio e arriva dopo l’ordine del giorno approvato nelle scorse sedute del parlamentino provinciale nel quale si chiedeva la verifica della sussistenza delle condizioni perché il Governatore esercitasse il proprio potere di ordinanza contingibile ed urgente. Ma i tecnici dicono che mancano proprio questi requisiti. Il documento spiega che sono trascorsi due anni dal primo intervento emergenziale della Provincia. Lo stesso prosegue: “In questa fase non si ritiene sussistere l’impossibilità di provvedere altrimenti in quanto, come avuto modo di evidenziare sussistono strumenti ordinari idonei ad affrontare la particolare situazione venuta a creare”.

Il consiglio provinciale ha poi approvato con i 7 voti favorevoli della maggioranza e i 3 contrari dell’opposizione, l’ordine del giorno sul tema presentato dal gruppo consigliare “Per la specificità del VCO” a sostegno della posizione e degli atti assunti dal Presidente Lincio, <Chiunque fosse stato al suo posto, nel rispetto delle normative vigenti, non avrebbe potuto agire diversamente> ha sottolineato il capogruppo Albertella. L’ordine del giorno respinge e definisce non veritiere e strumentali le critiche pervenute a riguardo al Presidente e alla Provincia e rinnova la totale disponibilità al Consorzio Rifiuti VCO e ai Comuni per affrontare e risolvere la problematica ; invita infine il Consorzio, competente in materia, ad individuare le migliore soluzioni per una urgente soluzione al problema.

Ancora sulla vicenda l’intervento di Voce Libera Vco che rispetto all’eventuale aumento della tassa rifiuti chiede al sindaco di Verbania Marchionini di smetterla di imputare alla Provincia colpe che sono di altri. “Faccia una seria riflessione – scrivono – e provi a guardare in casa propria. Con polemiche e insulti – concludono- non si risolvono i problemi. Servono disponibilità, collaborazione e un po' di umiltà”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa