logo1

Giuseppe Monti è tornato in libertà

 Monti si era dimesso a fine gennaio dall’incarico di sindaco e in questo modo sono venute meno le esigenze cautelari

E’ tornato in libertà da qualche giorno l’ex sindaco di Premosello Chiovenda Giuseppe Monti, finito ai domiciliari il 25 novembre scorso nell’ambito di un’indagine della Procura sulla casa di riposo. E’ accusato di falsità ideologica e turbata libertà di scelta del contraente. In particolare, le indagini della procuratrice Olimpia Bossi e dei Carabinieri della sezione di polizia giudiziaria si erano concentrate sulla realizzazione di un nuovo reparto per pazienti covid, il rinnovo della convezione con la cooperativa bergamasca che gestisce la struttura e la nomina a responsabile della Rsa una dipendente della cooperativa.  Monti si era dimesso a fine gennaio dall’incarico di sindaco e in questo modo sono venute meno le esigenze cautelari. “Il nostro assistito - sottolineano gli avvocati difensori Marisa Zariani e Marco Ferrero - dall’accordo stretto con la cooperativa che gestiste la casa di riposo comunale non ha ottenuto alcun vantaggio personale. Ha solo cercato di accelerare i tempi e creare le condizioni affinché in un momento di emergenza sanitaria la struttura a disposizione di tutto il territorio provinciale potesse dotarsi di uno spazio in più ai fini di cura e assistenza, tant’è che da lunedì 15 l’Asl la utilizzerà quale sede per le  vaccinazioni  contro il Covid”. Per la fine del mese è fissato il giudizio immediato davanti al collegio. Ora però i legali stanno valutando la richiesta di riti alternativi.

 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa