logo1

Tribunale mette la parola fine ad una vicenda interna al comune di Domodossola

Falso il verbale che dichiarava la presenza dell'ex assessore Zariani ad una riunione di giunta

Accertata dal Tribunale civile la falsità del verbale che dichiarava che l’avvocato Marisa Zariani era stata presente a una riunione della giunta di Domodossola, alla quale non aveva partecipato. Si è concluso recentemente in Tribunale a Verbania il processo civile nell’ambito della vicenda giudiziaria nata dal verbale relativo a una riunione della giunta dell’11 marzo 2003. In quella riunione era stato approvato un cambio di incarico di una dipendente comunale. La delibera era stata impugnata dalla dipendente, che aveva sostenuto di essere stata demansionata e aveva chiesto il reintegro al proprio posto e un risarcimento. Le sue richieste erano state accolte in tre gradi di giudizio. A quel punto, la Corte dei Conti ha contestato ai componenti della giunta che avevano votato la delibera un danno erariale per il risarcimento dovuto alla dipendente. Zariani, però, che all’epoca era vice sindaco e assessore, ha sempre sostenuto di non aver partecipato al voto, nonostante nel verbale venisse dichiarata presente. La Corte dei Conti a quel punto ha separato la sua posizione da quella degli altri membri di giunta concedendole il tempo per esperire azione civile e dimostrare le proprie ragioni. L’avvocato Zariani, assistita dall’avvocato Patrizia Adamczyk, ha quindi intentato una causa per dimostrare di non aver partecipato al voto durante l’approvazione della delibera. Il Comune di Domodossola si è costituito in giudizio, sostenendo invece la validità del verbale. I giudici hanno dato ragione a Zariani, dichiarando la falsità del verbale e condannando il Comune di Domodossola a pagare le spese. 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa