logo1

Italia mobilitata per salvare Ahmadreza Djalali

amadreza

Continua la mobilitazione per salvare il ricercatore iraniano accusato di spionaggio

Mobilitazione per richiedere la liberazione del ricercatore dell'Università del Piemonte Orientale a Novara Ahmadreza Djalali in carcere a Evin, in Iran, condannato a morte con l’accusa di spionaggio. L’appello della famiglia in Svezia:< è un ricercatore affermato e stimato non una spia. Chiediamo la liberazione>. Il partito democratico si è attivato anche con la senatrice Elena Ferrara, gli onorevoli Franca Biondelli e Giovanni Falcone. Ieri mattina una delegazione ha incontrato l'ambasciatore della Repubblica islamica dell'Iran a Roma, Jahanbakhsh Mozaffari.

L'incontro è stato richiesto perché si è appreso delle precarie condizioni di salute e del rischio di una condanna capitale.

Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani del Senato, insieme alla senatrice Ferrara, membro della stessa commissione, e all'onorevole Marietta Tidei, membro della Commissione Affari Esteri della Camera hanno confermato la stima di cui gode nella comunità scientifica internazionale e la forte preoccupazione con cui i cittadini di Novara, dove Djalali ha vissuto con la sua famiglia per alcuni anni, e l'ambiente accademico stanno seguendo la sua vicenda. La scorsa settimana è stata lanciata una petizione on line per chiedere l'immediata scarcerazione sottoscritta in pochi giorni da 65.000 persone. L'Ambasciatore Mozaffari si è impegnato a trasmettere al più presto ai parlamentari un aggiornamento non appena avrà ricevuto notizie da Teheran.  

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa