logo1

Nuovo attacco di Baveno al Presidente del VCO Lincio

La questione è sempre quella della mancata asfaltatura del tratto di strada Feriolo-Fondotoce. L'assessore al bilancio Vitale chiede le dimissioni di Lincio 

Strada tra Feriolo e Fondotoce, nuovo attacco di Baveno nei confronti del Presidente del VCO. Dopo la dura presa di posizione del sindaco, stavolta interviene l’assessore al bilancio Emanuele Vitale con un post su Facebook che chiede le dimissioni di Lincio. “Cari turisti e visitatori, Arturo Lincio vi da il benvenuto”. Questo l’incipit. A corredo del post, la foto di una larga buca.

Prosegue Vitale, sempre con riferimento al presidente provinciale: “A lui potrete chiedere lumi sul perché il primo punto che vedrete del Lago Maggiore è un campo minato. Lo dico da amministratore e da cittadino: non riconosco più la credibilità istituzionale del Presidente della Provincia. Chiedo si dimetta immediatamente e lasci fare un ruolo così importante a chi ha a cuore il territorio provinciale”.

“Da Assessore al Bilancio della Città di Bavenoprosegue Vitale- non voterò mai più nessun provvedimento che preveda asfaltatura e sfalci del verde di competenza provinciale su territorio comunale con soldi dei nostri cittadini. Troppe volte abbiamo messo pezze con la promessa di un intervento successivo. Decine di migliaia di euro dei bavenesi. E quando andava mantenuta una promessa di anni ci siamo sentiti dire che non siamo importanti. Non lo siamo noi quasi 5mila abitanti, non lo sono le decine di migliaia di lavoratori e studenti che passano su quel tratto ogni giorno e non lo saranno nemmeno i milioni di turisti che ogni anno popolano il Lago.

Bene. Prendo atto. Spero che i colleghi amministratori che sostengono il presidente Lincio – conclude l’assessore bavenese- facciano un'opera buona e lo rimandino a prendersi cura delle buche di Trasquera, visto che delle altre non se ne da preoccupazione”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa