logo1

L'amministrazione di Stresa non sostiene il Ballo delle Debuttanti come in passato, amarezza da parte di APEVCO

 Severino e Bolongaro spiegano: "Non abbiamo vietato di fare l'evento, ma non potevamo dare 5 mila euro. Ogni amministrazione fa le proprie scelte e le nostre sono andate in un'altra direzione"

La nuova amministrazione di Stresa non sosterrà come negli anni passati il Ballo delle Debuttanti di ApeVco giunto alla decima edizione. Disappunto, amarezza e rammarico da parte della presidente della No Profit Giovanna Pratesi che evidenzia il successo dell'evento e lo scopo non lucrativo ma di promozione e valorizzazione del territorio nonché di formazione culturale e solidarietà. Nel 2020 il Ballo è stato rinviato a soli 5 giorni dall'inizio a causa della pandemia con danni e disagi.
<Pur comprendendo l'importanza di un momento difficile e delicato per le pubbliche amministrazioni che devono provvedere all'assistenza dei cittadini in difficoltà e ad altre necessità - dice Pratesi-, riteniamo che anche coloro che appartengono al mondo degli eventi, ormai in ginocchio forse più di ogni altro settore, necessitino di aiuti e sostegni per un ritorno alla vita in tutti i suoi aspetti>. Sottolinea la voglia di tornare a sognare e a vivere.
<Farci nuovamente sperare e darci la forza di proseguire questo arduo cammino, intrapreso con molti sacrifici e tanta dedizione - prosegue Pratesi-, sarebbe stato non solo un concreto aiuto, ma anche un gesto di fiducia e di sostegno verso iniziative delle quali credo Stresa necessiti per risollevarne le sorti turistiche e culturali anche attraverso la nostra manifestazione che ha dato lustro e prestigio, da oltre 26 anni, alla città e non solo>.
Pratesi evidenzia le tante collaborazioni nate attorno al Ballo e la notorietà a livello nazionale dell'evento con molte persone richiamate in zona proprio dal prestigio dello stesso. Parla di una manifestazione diventata tradizione.
<Mi chiedo - aggiunge-come non possa essere tutto ciò preso nella debita considerazione ignorando le evidenti positive ricadute>.
L'edizione  2021 sarà comunque realizzata.
<Ci auspichiamo che questo nostro disappunto possa essere di sprone - conclude Pratesi- a chi non ha compreso o non vuole comprendere i valori di un evento degno della giusta attenzione>.
 
 
Rispondono il sindaco Marcella Severino e l'assessore al Turismo Maria Grazia Bolongaro: "Nelle scorse settimane abbiamo incontrato la presidente di Ape Vco e le avevamo spiegato che già con i problemi sulla spesa corrente vista l'emergenza covid avremmo dovuto rivedere le entità dei contributi. Dato che la disponibilità è limitata, abbiamo scelto di puntare su eventi che coinvolgono la città e non per pochi all'interno di un hotel. Abbiamo comunque concesso il patrocinio e proposto un contributo di 500 all'associazione Ape Vco. Non abbiamo vietato di fare l'evento. Ogni amministrazione fa le proprie scelte e le nostre sono andate in un'altra direzione".
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa