logo1

Interrogatorio di garanzia per Cristina Bolongaro e Gianpiero Vecchi

 

Nell'interrogatorio di garanzia Bolongaro e Vecchi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

 

verbania tribunaledInterrogatori di garanzia davanti al Gip per Cristina Bolongaro, ex sindaco di Brovello Carpugnino, e all'ex vice sindaco Gianpiero Vecchi, dal 2 febbraio agli arresti domiciliari. Entrambi gli indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. L'ipotesi di reato formulata dalla Procuratrice Capo Olimpia Bossi, che coordina l'indagine, è di falso in atto pubblico: Bolongaro avrebbe firmato al posto del compagno che stava svolgendo la messa alla prova all'ufficio tecnico del Comune, il registro delle presenze. Nel fascicolo relativo alle indagini ci sarebbero immagini riprese da telecamere nascoste dai Carabinieri all'interno del municipio e le testimonianze raccolte tra i dipendenti comunali nei giorni immediatamente successivi alla perquisizione. La misura cautelare era stata chiesta mesi fa dalla Procura, ma il Gip non l'aveva disposta. A quel punto la Procura aveva presentato ricorso al Riesame che, a inizio novembre, l'aveva autorizzata. Gli indagati avevano però presentato ricorso a loro volta in Cassazione e il responso della Suprema Corte era arrivato solo la settimana scorsa, confermando la misura cautelare. Bolongaro si era autosospesa inizialmente dal suo ruolo di sindaco, poi, a novembre si era dimessa.

 

Meg

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa