logo1

Funvia Stresa, il Gip dispone l'incidente probatorio

Il giudice Ceriotti ha convocato le parti  l'8 luglio 

Via libera all'incidente probatorio per la funivia del Mottarone. Il gip Elena Ceriotti, subentrata alla collega Donatella Banci Buonamici su decisione del presidente del Tribunale Luigi Montefusco, questa mattina ha depositato la sua decisione in risposta alla richiesta avanzata dall'avvocato Marcello Perillo, difensore di Gabriele Tadini, che si trova ai domiciliari. Il gip ha fissato per il prossimo 8 luglio alle 11,30 l'udienza per il conferimento dell'incarico al perito individuato nel professor Antonio De Luca, del Dipartimento di Ingegneria Strutturale dell'Università Federico II di Napoli, riservandosi di nominare altri periti, entro una settimana.
All'udienza potranno partecipare con i loro legali i tre indagati, quindi, oltre a Tadini, anche Luigi Nerini e Enrico Perocchio e i familiari delle quattordici vittime e del bambino sopravvissuto alla tragedia e al Codacons, che intende costituirsi parte civile. L'incidente probatorio consente di acquisire e cristallizzare una prova durante la fase delle indagini preliminari. Viene effettuato quando le prove potrebbero distruggersi o deteriorarsi o, nel caso di un testimone, che potrebbe fuggire o essere sottoposto a violenza o minaccia, prima dell'eventuale processo. L'udienza si svolge in camera di consiglio, davanti al giudice, alla presenza del pm e degli avvocati.
La procuratrice Olimpia Bossi aveva presentato le proprie deduzioni, chiedendo che l'incidente probatorio venisse posticipato per non compromettere l'attività di indagine.
Il giudice Ceriotti osserva nella propria ordinanza di non avere potere discrezionale riguardo tale decisione e che la perizia, se disposta in dibattimento, potrebbe avere un tempo superiore a sessanta giorni, pur considerando il fatto che le prove sono state messe in sicurezza nonostante il luogo impervio ed esposto ad agenti atmosferici.
Sottolinea anche come la richiesta della Procura di attendere perché non individuati ancora tutti i possibili indagati non può essere accolta dato che "difetta il necessario nesso di immediata conseguenzialità tra l'oggetto dell'incidente probatorio ed il pregiudizio per gli atti di indagine".
E intanto vanno avanti le reazioni sulla sostituzione del Gip "in corsa" da parte del presidente del Tribunale Luigi Montefusco. L'Unione delle Camere Penali ha fatto propria la decisione della Camera Penale di Verbania di indire un giorno di sciopero per il 22 giugno, proclamando altre due giornate, a livello nazionale per il 24 e 25 giugno. Con una manifestazione, a Roma, per rilanciare l'iniziativa della separazione delle carriere in magistratura. Verbania, con l'assmeblea convocata il 22 giugno al grand hotel Majestic dal presidente verbanese Gabriele Pipicelli, sarà il laboratorio di questa battaglia.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

Ultime news

Venerdì, 24 Settembre 2021
Baveno investe in lavori pubblici
Venerdì, 24 Settembre 2021
" Liberi di imparare "

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa