logo1

Ripresa lezioni, intervengono i giovani di Fratelli d'Italia

 

Dicono: "I buoni propositi, e le frasi di circostanza servono quindi a ben poco: per la Scuola, per l’ennesima volta, non è stato fatto nulla, e non serviranno di certo mesi per rendersene conto"

Comunicato stampa - E come ogni anno, ecco che la prima campanella di settembre è pronta a squillare, e a riportare tra i banchi migliaia di studenti. Dopo l’estate si ricomincia a lavorare, ma come? Negli ultimi due anni, infatti, la scuola par’essere cambiata radicalmente: mascherine, gel, distanze, ingressi scaglionati e separati…Tutto a far assomigliare i vecchi atri e le vecchie aule più a dei laboratori, o a degli ospedali, che non a delle scuole! Per non parlare della didattica a distanza che, indipendentemente dai gusti personali, ha rappresentato un’ecatombe per la didattica. I test INVALSI più recenti, purtroppo, lo certificano. I buoni propositi, e le frasi di circostanza servono quindi a ben poco: per la Scuola, per l’ennesima volta, non è stato fatto nulla, e non serviranno di certo mesi per rendersene conto. [Nonostante le svariate sollecitazioni di FDI, infatti, la situazione del trasporto pubblico rimane immutata, rispetto all’anno scorso; gli spazi non sono stati né ampliati, né tantomeno dotati di impianti ad aerazione controllata, e lo strumento del Greenpass, oltreché non essere - ahinoi - una garanzia “di non contagiosità”, come invece ha detto Mario Draghi, si rivelerà a stretto giro uno strumento utile a legalizzare il bullismo tra studenti]. Se con Azzolina al MIUR le cose andavano male, con Bianchi alla stessa scrivania forse vanno anche peggio: la scuola merita molto di più!

 

FRATELLI d’ITALIA GIOVANI VERBANIA

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa